Prima squadra

Crecco: "Mi manda Immobile e aveva ragione, Pescara è bellissima"

Il jolly nei giorni scorsi è stato ospite della diretta Facebook de Il Centro

11.12.2018 00:20

Luca Crecco, dalla Lazio al Pescara per provare a tornare nel calcio che conta. Da protagonista. Il giocatore romano, autentico jolly della rosa di Pillon (ha giocato esterno basso, mezz'ala ed ala), si è raccontato nei giorni scorsi a Il Centro, protagonista di una diretta Facebook del giornale. Ecco le principali dichiarazioni rilasciate:

«Sono cresciuto nella Lazio e dopo vari prestiti, due anni fa, mi hanno tenuto in prima squadra. Ho giocato 5 partite e alla fine della stagione Simone Inzaghi mi ha chiesto di restare. Purtroppo, dopo pochi giorni, si sono infortunati cinque difensori. Così, la società ha reintegrato Mauricio e io sono finito fuori lista. A quel punto ho capito che non credevano più in me e ho deciso di guardarmi intorno. È arrivata l’offerta del Pescara e non ci ho pensato due volte».
È vero che Immobile l’ha spinta ad accettare? 
«Sì, anche se non ho mai avuto dubbi. Ho parlato con Ciro e mi ha detto che qui c’è una grande società e mi sarei trovato divinamente. Aveva ragione, sto bene con tutti, dirigenti, staff tecnico e compagni di quadra. Inoltre, Pescara è una città bellissima Ho firmato un contratto di tre anni e non ho alcuna intenzione di trasferirmi dopo sei mesi. Resterò qui e darò il massimo per aiutare la squadra a raggiungere gli obiettivi».

Il Pescara è interessato a Rossi della Lazio. L’ha sentito?
«No, ho letto di questo interessamento ma non conosco la situazione. Di sicuro se venisse ci darebbe una mano. È un buon giocatore, rognoso e dotato di cattiveria agonistica».
Chi vincerà il campionato?
«Palermo e Benevento hanno gli organici migliori, poi Verona e Crotone. Ma il Pescara è forte e può puntare in alto».

Commenti

I nuovi gioielli della Cantera biancazzurra: ecco chi sono
Castori: “Il Pescara ha una squadra di qualità, ma vogliamo fare risultato"