Prima squadra

Monachello: "Se farò bene, il Pescara mi riscatterà. Ed io lo spero"

Il giocatore si è raccontato nella diretta Facebook de Il Centro

19.09.2018 11:39

Il bomber giramondo vuole trovare casa, possibilmente in riva all'Adriatico. Gaetano Monachello punta a diventare a tutti gli effetti un giocatore biancazzurro e non solo pro-tempore. E' in prestito, ma spera che a fine stagione il Pescara lo riscatti. Ma dipenderà in primis da lui. Ucraina, Cipro, Francia, Belgio e Grecia le tappe di una carriera ancora agli albori ma che gli ha regalato già moltissime esperienze di spessore

Il giocatore di proprietà Atalanta è stato ospite della consueta diretta Facebook de Il Centro. Ecco un estratto delle principali dichiarazioni rilasciate:

"Il pareggio di Cremona ci va un po' stretto, secondo me potevamo portare a casa qualcosa di più. Aspettavo il gol da tanto, ci tenevo. Mollo e cerco di mollare mai, tutti vorrebbero giocare ma le scelte le fa il mister e le accetto. Il dualismo con Cocco? Sin dal primo giorno di ritiro ci siamo trovati, abbiamo giocato contro e ci seguivamo sui social. C'era già stima reciproca, lo scatto che ha fatto per venirmi ad abbracciare dopo il gol mi ha fatto piacere. Per ambire a traguardi importanti bisogna essere come una famiglia. La mia esultanza sotto la curva era per farmi conoscere ed apprezzare da loro, che si sono fatti tanti km per noi. Siamo un gruppo di ragazzi allegri, penso a Balzano, del Grosso e Scognamiglio ma non solo loro. Il futuro? Già si poteva chiudere a titolo definitivo il trasferimento qui, poi le società si sono accordate per un prestito con diritto di riscatto. Io speravo più in un qualcosa di definitivo, qui si sta bene, c'è una società seria e senza debiti, ma non è stato possibile. Spero di fare bene, sta a me, se faccio le cose migliori possibili la società mi riscatterà. Dove possiamo arrivare? Pescara è abituata a vincere e giocare bene, possono capitare annate come quella dell'anno scorso perchè il calcio è strano. Siamo partiti bene, una vittoria e due pareggi contro squadre importanti, aspettiamo il trittico di prossime partite per vedere dove protremo arrivare. Quanti gol posso fare? Non lo dico mai, voglio lavorare ogni ogni per dare il massimo ma la cosa fondamentale, quella che viene prima, è il gruppo. Mi piace sentire fiducia, l'anno scorso con Cosmi l'ho avuta perchè ci siamo capiti al volo. Se sento fiducia cerco di spacacre il mondo in due"

Commenti

Civitella senza paura: l'obiettivo salvezza è ritenuto possibile
Modifiche alla viabilità per il Trofeo Matteotti