Prima squadra

Pescara svegliati! Contro l'Ascoli serve una reazione

Bisogna ripartire dopo il brutto ko contro il Crotone

29.09.2019 00:51

A CURA DI RICCARDO CAMPLONE -

C'è tanta delusione per la sconfitta subìta in casa contro il Crotone degli ex Stroppa e Benali. Non tanto e non solo per il risultato, ma soprattutto per come è arrivata una sconfitta meritatissima: una squadra senza idee e incapace di  creare pericoli alla retroguardia calabrese - se si esclude il tiro di Machin con il pallone che ha colpito l'incrocio dei pali - con ragazzi di Stroppa arrivavano troppo facilmente in area abruzzese, 

Tanti, troppi i problemi evidenziati in questo primo scorcio di stagione: 12 gol subìti in 5 gare, una difesa in continua evoluzione e senza continuità di rendimento, attacco spuntato, specie dopo la perdita di Tumminello per il grave infortunio rimediato a Cosenza, e privo di un attaccante di spessore che segni e metta in difficoltà le difese avversarie.

2 vittorie, 1 pareggio e 3 sconfitte in 5 gare sono uno score troppo esiguo poco per una sqaudra che non convince sotto il profilo tattico. E sotto questo punto di vista Crotone è stato l'ultimo esempio: basti pensare che contro l'Entella per 32 minuti il Pescara non ha creato grossi pericoli, al primo tiro in porta dei liguri ecco il gol di Schenetti con il pareggio biancazurro arrivato solo su calcio franco di Memushaj.

Domenica prossima ci sarà l'attetissimo match del “Del Duca” contro un Ascoli partito a razzo in campionato. Il Pescara non vince in terra picena da ben 31 anni: l'ultimo successo fu nella stagione 1987-1988, nel campionato di Serie A grazie alla rete di Primo Berlinghieri. L'ultimo precedente risale allo scorso campionato con la gara terminata a favore dell'Ascoli per 2-1: vantaggio biancazzurro dagli undici metri siglato da Mancuso, pareggio e sorpasso bianconero siglato da Nikovic e Ciciretti. Domenica serve una vera e propria scossa per invertire la tendenza. Altrimenti le nubi nere su Pescara sarebbero destinate ad addensarsi preoccupantemente...

Commenti

Bettella: "Squadra disunita, bisogna ritrovare conpattezza"
Alla ricerca di un sussulto d'orgoglio. E di altro