Prima squadra

Mini tour de force alle porte: spazio al turnover

Previste 3 gare in 10 giorni: servono forze fresche.

19.09.2018 00:24

Se il Collegio di Garanzia del Coni non dovesse fare marcia indietro e far saltare il banco della serie B con il ritorno a 22 squadre - cosa che inevitabilmente provocherebbe una rimodulazione del calendario - nei prossimi 8 giorni il torneo cadetto vivrebbe 3 partite. Il Pescara avrebbe 2 gioni di riposo in più, avendo dopo il doppio turno interno con Foggia e Crotone la trasferta di Padova per la sesta giornata procrastinata al lunedì (è un posticipo). Tuttavia, essendo ad inizio campionato e con uno stato di forma non ancora orrimale, il mini tour de force suggerirebbe a mister Bepi Pillon di optare per un turnover nelle gare in questione.

Probabile, infatti, che ci sia più di una faccia nuova in campo a partire già da sabato. Di certo nelle tre gare Pillon cambierà parecchi interpreti, ma sarà anche l'infermeria a dettare le scelte.

In difesa scalpita Scognamiglio, acquisto di spessore che però in campionato non ha ancora visto il campo, ma non solo lui: Fornasier, stante l'infortunio (in via di risoluzione) di Balzano potrebbe far rifiatare a destra Ciofani almeno in una delle partite ravvicinate e lo stesso discorso vale per Elizalde a sinistra con lo stagionato Del Grosso, oltretutto reduce da un infortunio nelle scorse settimane che ne ha minato la rifinitura della preparazione atletica. Sempre pronto all'uso Perrotta, che si giocherà sempre un posto da titolare con Gravillon e Campagnaro (sempre che l'argentino stia bene...)

Sull'out sinistro di difesa c'è anche l'opzione Crecco, ormai ristabilitosi, ma è più probbile un esordio in mediana per lui: Palazzi non è ancora al 100% ed ha il passo giusto e la struttura fisica necessaria per irrobustire la linea mediana. Esattamente come Kanoutè, che in almeno una delle tre gare ravvicinate sarà certamente titolare: Brugman ha piccoli fastidi alla caviglia e spremerlo troppo non avrebbe senso, Memushaj non è ancora al top della forma per sua stessa ammissione. E poi? Continuerà la staffetta Machin-Melegoni.

In avanti situazione più fluida. Capone, forse sin dalla gara col Foggia, farà rifiatare Antonucci, che sta pagando lo scotto del primo campionato in una prima squadra. Alterna cose positive ad altre negative, fisiologicamente, ma deve migliorare soprattutto come predisposizione. Del Sole appare in ultima posizione nelle gerarchie mentre ben più in alto nella lista di gradimento di Pillon c'è Marras: opzione da non trascurare sulle corsie esterne, dove prima o poi dovrà riposare anche Mancuso. Infine il centravanti: il dubbio Cocco-Monachello ci acompagnerà sino al termine della stagione, a meno che uno dei due non si guadagni a suon di gol una casacca da titolare blindata 

Commenti

Dopo Montesilvano e Pescara, la nuova avventura abruzzese di Morgado è con il Civitella
Pescara fatale per Suazo: esonerato! (UFFICIALE)