B Zona

Il Delfino nel "nido" delle Vespe: presentazione avversari e precedenti

Menti stadio ostico per il Delfino

28.10.2019 08:33

A CURA DI CLAUDIO ROSA - 

È un Pescara rivitalizzato quello che si presenta ad affrontare l’infrasettimanale di Serie B: i ragazzi di Zauri hanno infatti superato a pieni voti l’ostacolo Benevento (4-0 per i biancazzurri), dimostrando di poter dire la loro in questo campionato. Ad aspettarli c’è però ora la Juve Stabia, in cerca di riscatto dopo un inizio di stagione da film dell’orrore.

JUVE STABIA, UNA SQUADRA ANCORA DA SCOPRIRE

Una partenza di campionato complicato, per usare un eufemismo, quello della Juve Stabia che, nelle prime nove giornate, ha raccolto fino ad ora solo sette punti. Difficile tracciare fino a questo punto un filo narrativo della stagione messa su dai campani, apparsi ancora destabilizzati dalla Serie B. Il cammino dei gialloblù è stato infatti già ricco di sali e scendi, come dimostrano le cinque sconfitte nelle prime sei partite, con l’unico punto conquistato nel pareggio a reti bianche contro il Perugia. Il punto di svolta poteva arrivare a Trapani, quando i campani riuscirono ad ottenere il primo successo, peraltro contro una diretta concorrente per la salvezza. Una vittoria poi bissata in casa, contro il Pordenone neopromosso che, al momento, si trova anche a ridosso della zona playoff. La magia sembra essere però svanita dallo scorso weekend di gara, con la Juve Stabia uscita sconfitta dal terzo scontro salvezza in pochi giorni, questa volta contro lo Spezia. A preoccupare maggiormente è però l’atteggiamento della squadra, approccio totalmente sbagliato considerando la posta in palio e l’importanza del match: “Non mi è piaciuto l’atteggiamento della squadra. Già nel riscaldamento i ragazzi non mi sono piaciuti. Non ci dobbiamo montare la testa per due vittorie. Mi è sembrato che se la squadra non avesse la voglia di portare a casa il risultato”. Queste le parole del tecnico dei campani, Fabio Caserta, visibilmente deluso per la prova dei suoi. È quindi nella mentalità il punto in cui bisognerà lavorare maggiormente per mantenere a fine anno la categoria. Un campionato, la Serie B, ancora tutta da scoprire per i gialloblù: sono state infatti solo quattro apparizioni nella serie cadetta nell’arco di tutta la loro storia calcistica, la prima nel 1951 e le altre a cavallo tra il 2011 ed il 2014. Era dunque pronosticabile un periodo di assestamento, per una squadra ancora in evidente adattamento. Resta però da capire quanto sarà lungo questo periodo, perché questi punti persi nel cammino potranno poi risultare decisivi al termine del campionato.

JUVE STABIA – PESCARA, I PRECEDENTI IN CAMPANIA

Sono 5 i precedenti tra queste due squadre in terra campana, in una trasferta che da sempre non porta tanta fortuna ai colori biancazzurri, usciti vittoriosi in una sola occasione. La prima partita si giocò nel 1974 quando, in Serie C, Juve Stabia e Pescara non si fecero male, terminando l’incontro a reti bianche. I destini delle due squadre però, da lì in poi, si divisero per molti anni, incontrandosi nuovamente nel 2007: al Romeo Menti, ad avere la meglio furono gli abruzzesi che si imposero con un netto 1-3, grazie alle reti di Sansovini e la doppietta di Felci. La rivincita per i padroni di casa si presentò già l’anno seguente, nella neonata Lega Pro, con i campani che archiviarono la pratica già nel primo tempo: successe tutto in meno di dieci minuti, con la rete iniziale di Capparella al quindicesimo, il raddoppio di Peluso al ventesimo, ed infine il colpo del k.o. di Gaeta al ventitreesimo. I due club si sfidarono poi anche in Serie B, nel 2011 e nel 2014: dapprima la Juve Stabia ottenne un importante successo contro il Pescara di Zeman, al termine di un incontro combattutissimo e deciso solamente nei minuti finali, grazie alla rete di Erpen che, nei minuti finali, consegnò la vittoria ai gialloblù. Campani che vinsero anche l’ultima sfida giocata al Romeo Menti, nel 2014: contro un Deflino guidato da Pasquale Marino, ancora alla ricerca della quadra perfetta, i campani ottennero il bottino grosso ribaltando l’iniziale vantaggio biancazzurro nei minuti finali, pareggiando prima con Lanzaro all’ottantaquattresimo, e poi trovando il gol vittoria al novantesimo con Di Carmine.

1973/74 Serie C Juve Stabia – Pescara 0-0

2007/08 Serie C1 Juve Stabia – Pescara 1-3

2008/09 Lega Pro Juve Stabia – Pescara 3-1

2011/12 Serie B Juve Stabia – Pescara 3-2

2013/14 Serie B Juve Stabia – Pescara 2-1

Commenti

Erano “Poveri ma belli". Ma vincenti
Maglie di calcio taroccate: maxi sequestro di circa 1000 articoli