Prima squadra

Leone: "Nessuno ha mai detto che il Pescara doveva ammazzare il campionato, non siamo mica la Juventus..."

Interessante intervista de Il Centro al d.s. biancazzurro

28.11.2018 08:54

Venti di crisi sul Pescara? No, a sentire il d.s. Luca Leone, nonostante i recenti risultati centrati dalla truppa di Pillon farebbero pensare ad altro. Il concetto del direttore sportivo è chiaro ed è stato espresso in una lunga intervista a Il Centro della quale vi riportiamo le dichiarazioni salienti:

"Contro l'Ascoli potevamo fare qualcosa in più, però abbiamo disputato una buona gara creando diverse occasioni da gol. Forse ci è mancata un po’ di cattiveria nel secondo tempo. In particolare nei minuti conclusivi quando non siamo riusciti a sfruttare la superiorità numerica. Mi aspettavo un arrembaggio finale che invece non c’è stato. La flessione è legata solo ai risultati. In campo non c’è stata nessuna involuzione e non ho visto una squadra in difficoltà. Prima del match con l’Ascoli, fino a pochi minuti dalla fine abbiamo tenuto testa al Palermo, la compagine più forte della serie B, mettendolo in seria difficoltà. Semplicemente era impensabile mantenere il ritmo di inizio stagione. Nessuno ha mai detto che il Pescara doveva ammazzare il campionato, non siamo mica la Juventus...Negli ultimi tempi non ho riscontrato grandi differenze rispetto alle prime giornate. La nostra è una mentalità prettamente offensiva ed è inevitabile concedere qualcosa agli avversari. Non è una novità, finora abbiamo sempre subìto almeno un gol, tranne che nella partita casalinga contro il Foggia, ma i rossoneri hanno fallito un calcio di rigore. Ripeto, dobbiamo migliorare e correggere alcuni aspetti, ma lo sappiamo e non siamo preoccupati. Il ruolino del Pescara nelle prime 13 giornate è senz’altro molto soddisfacente. Monachello? È normale essere delusi quando si viene sostituiti. L’importante è che Monachello trasformi la rabbia in energia positiva per fare sempre meglio. Non ho visto bene quello che è successo, ma se Gaetano ha mancato di rispetto all’allenatore e ai compagni è giusto che chieda scusa. Il Pescara viene prima degli interessi personali. È un bravo ragazzo e di sicuro, se ha commesso un errore, saprà farsi perdonare. Più turnover? Queste sono scelte che competono all’allenatore che è pagato per decidere e io non devo intromettermi. Pillon allena tutti i giorni i calciatori e sa cosa possono dare durante le partite. In ogni caso, mi sembra che finora abbia preso decisioni corrette, dal momento che siamo secondi in classifica".

SUL MERCATO: "Non è il momento di parlare di trattative. Abbiamo cinque gare da disputare da ora fino al termine del girone di andata. Si tratta di cinque finali che ci diranno dove potremo arrivare. A fine dicembre vedremo dove saremo e tireremo le somme. La rosa è competitiva, perciò in linea di massima stiamo bene così. Poi magari ci sarà qualcuno che non è contento e chiederà di andare a giocare altrove e in tal caso dovrà essere rimpiazzato. Il mercato è imprevedibile, ma, ripeto, è prematuro parlarne. Gravillon? Siamo contenti, però nel calcio non bisogna mai accontentarsi. Lui per primo sa che deve migliorare e potrà farlo solo allenandosi sempre con impegno e costanza. LInter vanta un diritto di recompra per lui? Non c’è nessun accordo ufficiale. Però l’Inter ha una corsia preferenziale nel caso in cui decidessimo di venderlo, visto che i rapporti tra le due società sono ottimi".

 

 

Commenti

Marras racconta il sogno Serie A col Pescara
Tuttosport: "Melegoni a gennaio alla Juve con l'ok di Allegri"