Prima squadra

Bocchetti: "Non torniamo sul mercato fino a gennaio perchè.."

"Rosa ampia. Abbiamo fiducia in Maniero, Brunori e Borrelli"

19.09.2019 09:19

Il presidente Daniele Sebastiani lo ha detto chiaro e tondo: "Assolutamente non torneremo sul mercato, uno svincolato avrebbe bisogno di uno/due mesi per entrare in forma". Alle parole del numero uno, rilasciate a Rete8, fanno eco quelle del d.s. Antonio Bocchetti in una lunga intervista rilasciata a Il Centro. Ecco le parole del Direttore al quotidiano abruzzese:

IL MERCATO - Abbiamo due punte centrali, Maniero e Brunori, oltre a Borrelli, che in caso di necessità potrà darci una mano. Poi ci sono i quattro esterni (Di Grazia, Galano, Cisco e Bocic, ndc), insomma, a livello numerico siamo a posto e non c'è la necessità di intervenire subito. È chiaro che a gennaio faremo le nostre valutazioni, ma abbiamo grande fiducia sui nostri attaccanti».

TUMMINELLO - È un ragazzo incredibile, è stato lui a darmi coraggio e non viceversa. È raro trovare un giovane di 21 anni con una forza d’animo così immensa. Mi ha detto: “Tranquillo, so quello che dovrò fare perché ci sono già passato. E di certo non mi arrenderò”. Siamo molto dispiaciuti, Marco aveva ripreso fiducia dopo l'operazione di due anni fa. Avevamo puntato su di lui e il campo ci stava dando ragione. Non aveva ancora i 90’ nelle gambe, ma se non si fosse fatto male di nuovo il suo rendimento sarebbe cresciuto ulteriormente».

COSENZA ED ENTELLA - «Non siamo stati belli a Cosenza, ma su un terreno di gioco così era impossibile offrire uno spettacolo gradevole. Il campo era sabbioso, i giocatori hanno avuto difficoltà nella circolazione del pallone. E il discorso vale anche per i nostri avversari. Certo, loro hanno avuto un possesso palla maggiore, però siamo stati bravi a non concedere occasioni. Abbiamo giocato con grande intelligenza interpretando la gara in modo impeccabile. Stiamo crescendo e tra qualche settimana si vedranno progressi. I giocatori eseguono esattamente ciò che chiede l’allenatore e anche l’apporto di chi entra dalla panchina si sta rivelando prezioso. Sabato dovremo giocare con la stessa grinta di domenica scorsa. L’Entella ha un buon organico, un tecnico preparato come Boscaglia e una società solida. Per me non è una sorpresa. In questo momento viaggia sulle ali dell’entusiasmo, ma noi non vogliamo fermarci».

Commenti

Mancosu è il trascinatore della matricola terribile Entella
L'ex Ganci non molla e riparte dall'Eccellenza