Prima squadra

Pescara, parla Bocchetti: “Abbiamo costruito una buona rosa. Su Matos e Di Gaudio vi dico che...”

Le dichiarazioni del ds biancazzurro a Rete8Sport

06.09.2019 10:10

A CURA DI RICCARDO CAMPLONE - 

Campionato di Serie B fermo causa impegni della Nazionale, il Pescara è tornato ad allenarsi al Poggio degli Ulivi e ieri ha battuto a domicilio il Morro d'Oro per 9-1 in un test amichevole. Lunedì sera si è concluso il mercato, senza il grande colpo nonostante mister Zauri avesse chiesto un attaccante che potesse dare un contributo importante alla squadra. Antonio Bocchetti ha cercato in tutti i modi di portare Matos e Di Grazia in riva all’Adriatico, senzaperò  riuscirci. E' stata rinforzata però la rosa con Mirko Drudi, classe 1987, difensore centrale arrivato dal Cittadella. Nell’operazione che ha portato Drudi a Pescara è partito Cristian Ventola. Ecco le dichiarazioni del direttore sportivo biancazzurro a Rete8 Sport:

“Penso sia uscita una buona rosa, un mix tra giovani e vecchi. Abbiamo fatto un buon lavoro sia in entrata che in uscita. Lo scorso anno avevamo un ottimo centrocampo, quest’anno siamo orfani di un giocatore come Brugman, abbiamo fatto una scelta coraggiosa sapendodi prendere un giocatore affermato come Palmiero. Il modulo da adattare ai giocatori spetterà al mister, abbiamo messo a disposizione giocatori per diversi moduli, spetterà all’allenatore cosa fare. 29 giocatori sono tanti, tenendo conto degli infortuni e squalifiche. Lo scorso anno eravamo corti e centrocampo, quest’anno per non commettere lo stesso errore abbiamo cercato di ampliare la rosa. Ciofani può fare sia il terzino che il difensore centrale, ci permetterà di poter adottare una difesa a 3, Balzano ha avuto un infortunio e stata fuori per 3 gare. Di Gaudio e Matos? Abbiamo cercato di prenderli fino alla fine.”- afferma Bocchett i- “Sono due giocatori che hanno deciso di rimanerne uno al Verona e l’altro andare in Svizzera, non c’è rammarico. Abbiamo esterni forti come Di Grazia e Cisco, Bocic si conosce poco ma è dotato di grande forza. Galano è un lusso per la categoria. Millico? Parlammo con l’agente ma non c’erano i presupposti per portarlo a Pescara. Tumminello può dare profondità alla squadra. Drudi è un giocatore scoperto tardi. È passato dal ruolo centrocampista a Cesena a difensore centrale. L’anno scorso ha disputato un buon campionato con il Cittadella rischiando di vincere il campionato. Abbiamo mandato Ventola a giocare per completare questa operazione. Che campionato farà il Pescara? Molto presto per dirlo. Vedremo come risponderanno i nuovi acquisti, prima la salvezza poi vedremo. Un voto al mercato? I risultati danno un voto a quello che si è fatto. Abbiamo cercato di portare giocatori importanti ma hanno deciso di rimanere nelle squadre di appartenenza. Sono qui per imparare perché la Serie B è molto più difficile della Serie C.”

Commenti

Binari maledetti: tragedia a Francavilla
Il riepilogo di tutte le operazioni di mercato del Pescara