Prima squadra

Altro ko, adesso è crisi nera: Pescara - Empoli 0-1

Il big match di B andato così...

25.03.2018 14:18

Basta un gol di Donnarumma all'Empoli per sbancare Pescara e continuare a volare. E' finita 0-1, una gara contrassegnata da un palo di Coulibaly e da un rigore malamente fallito al 40'pt da Pettinari. Ed è crisi nera in riva all'Adriatico Epifani rischia, il prossimo appuntamento è a Brescia giovedì. E non si può fallire

La gara. Nessuna novità nel Pescara ipotizzato alla vigilia: nel 3-5-2 proposto da Epifani, trova spazio Machin e non Carraro dal 1' con Coulibaly mezz'ala destra. Nell'Empoli, fuori Ninkovic e Brighi ma presente Bennacer, reduce dall'impegno con la propria Nazionale. In tribuna l'ex biancazzurro Carmine Gautieri. La Curva Nord ha esposto uno striscione in ricordo di Bubu (leggi qui).

Parte male il match dell'Empoli, dopo 7 minuti Krunic è costretto ad alzare bandiera bianca e a lasciare il suo posto all'esperto Brighi. Al 9', una deviazione di Coda su cross basso di Traore per poco non beffa Fiorillo, ma la palla termina sul fondo. Pericolo scampat per i biancazzurri. La squadra ospite cerca subito di far valere le proprie doti tecniche e la maggiore qualità nel palleggio, prendendo la supremazioa a centrocampo e comandando le operazioni. Al 18', è consequenziale il vantaggio: un tiro da fuori di Brighi termina nella disponibilità di Caputo che, tutto solo, ha gioco facile ad appoggiare al centro per l'accorrente Donnarumma che insacca. Latita la reazione pescarese, è anzi l'Empoli a continuare a macinar gioco e a proporre occasioni, poi non sfruttate (come un gran tiro al volo di Capone al 24'). Al 31', Coulibaly colpisce un legno con un piattone che ha fatto gridare al gol. Al 39', un inopinato retropassaggio di Castagnetti permette a Mancuso di involarsi verso la porta toscana, Gabriel butta giù la punta pescarese e per l'arbitro Piccinini è rigore. Pettinari, però, dal dischetto calcia debolmente tra le braccia dell'estremo ospite. Il pubblico non gradisce l'occasione sbagliata da Pettinari e sommerge di fischi i giocatori del Pescara. Non accade altro degno di nota, all'intervallo si perviene dunque con gli ospiti avanti di misura. 

Epifani ripresenta i suoi con una variazione, Gravillon per Fornasier. Non cambia dunque il modulo. Al 4', lo specialista Pasqual ci prova su calcio di punizione ma non inquadra lo specchio della porta; al minuto 8', Caputo colpisce l'esterno della rete dopo aver vinto un duello in area con Crescenzi. Al 10', tra i fischi, Pettinari lascia il suo posto a Bunino. La manovra biancazzurra resta confusionaria ed approssimativa, l'Empoli ha gioco facile a gestire il risicato vantaggio, compattandosi per poi provare a colpire in ripartenza. Al 16', da uno spiovente da sinistra deviata da Gravillon, Fiorillo ha il riflesso giusto per mantenere in corsa i suoi. Al 21' scocca il momento di carraro: esce Perrotta e dunque si passa alla difesa a 4, con Brugman trequartista dietro le due punte. Al 24', un calcio di punizione di Brugman, deviato, per poco non beffava Gabriel. Al 29', tutto solo in area, Brugman clacia altissimo sciupando una grandissima occasione. Il Delfino prova a spingere e ad alzare il proprio baricentro, ma senza trovare il bandolo della matassa. Il tentativo di forcing finale è sterile, al triplice fischio è festa Empoli. E crisi Pescara...

PESCARA – EMPOLI 0-1

Marcatori: 18’pt Donnarumma (E)

PESCARA (.3-5-2): Fiorillo, Fornasier (dal 1’st Gravillon), Coda, Perrotta (dal 21’st Carraro); Balzano, Coulibaly, Brugman, Machin, Crescenzi; Mancuso, Pettinari (dal 10’st Bunino). All. Epifani. A disp. Savelloni, Bovo, Yamga, Elizalde, Cocco, Fiamozzi, Gravillon, Cappelluzzo, Scimia, Baez

EMPOLI (4-3-1-2): Gabriel; Di Lorenzo, Maietta Luperto, Pasqual; Bennacer, Castagnetti, Krunic n.g. (dal 7’pt Brighi, dal 33'st Lollo); Traore; Donnarumma (dal 41'st Polvani), Caputo. All. Andreazzoli. A disp.: Meli, Giacomel;  Canestrelli, Imperiale, Rodriguez, Ninkovic.

ARBITRO: sig. Piccinini di Forlì (Assistenti: Galetto – Formato; IV Uomo: Forneau)

AMMONITI: Traore, Gabriel (E), Perrotta, Gravillon, Balzano, Machin, Coda (P)

NOTE: 6.5.79 spettatori; al 40’pt Pettinari (P) fallisce un calcio di rigore

Commenti

20-04-2012, Padova - Pescara 0-6. Sebastiani: "Senza Perin sarebbe finita 13-0"
Striscione nella Nord per Bubu