Altri sport

Una targa per i 70 anni del Trofeo Matteotti e una per la Coppa Acerbo

Blasioli: “Una competizione storica che testimonia la tenacia dei pescaresi. Piazza Duca è a tutti gli effetti la piazza delle corse ed è giusto ricordarla con queste targhe”

12.11.2017 00:27

Ieri in piazza Duca è stata scoperta una targa per i 70 anni del Trofeo Matteotti. All’evento con il vicesindaco Antonio Blasioli c’erano Renato Ricci, storico patron della corsa ciclistica più longeva e importante di Pescara, che ne resterà presidente onorario, il nuovo patron Daniele Sebastiani presidente della Pescara Calcio, Nicola Monti dell’associazione PrimaPescara e Corsini che hanno realizzato questa targa da dedicare al Matteotti.

"Il Matteotti è una corsa nata con Perna e continuata con Renato Ricci, che quest'anno ha raggiunto la 70° edizione – così il vicesindaco Antonio Blasioli - Una competizione che, per periodo e condizioni altimetriche del percorso, è sempre stata un test importante anche per i campionati nazionali di ciclismo: non è un caso che molti corridori che hanno vinto il Matteotti si sono poi laureati campioni d'Italia di ciclismo su strada. Un grazie speciale all'associazione PrimaPescara che ha realizzato insieme a Corsini la targa da dedicare al Matteotti. Piazza Duca è a tutti gli effetti la piazza delle corse di Pescara, perché da qui nasceva il percorso sia la Coppa Acerbo prima, il Circuito di Pescara poi e il Trofeo Matteotti, ora avrà due targhe dedicate, una per il circuito automobilistico, l'altra per il Trofeo Matteotti per ricordare quanto è stato importante per la città. Malgrado i bombardamenti avessero distrutto la città nel '43, già nel 1945 il Matteotti faceva la sua prima edizione a Pescara, a testimonianza che i pescaresi anche nei momenti di difficoltà si sono sempre distinti per la grande dinamicità e voglia di fare e sono stati sempre pronti a ripartire da zero pur di andare avanti".

Commenti

Del Sole: "Devo tanto a Zeman. Adoro Robben e Dybala"
I convocati di Zeman: tante le assenze, spicca quella di Bovo