Altri sport

Il 4-3-3 sbarca a...teatro! A Pescara

La Compagnia dei Guasconi propone "4-3-3 ovvero quello che del calcio nessuno vi ha mai raccontato"

22.03.2018 00:01

Il 4-4-3 sbarca a...teatro. E dove se non a Pescara dove con Galeone prima e Zeman poi questo modulo ha trovato eccellenza? Il 23 e 24 Marzo - con inizio alle ore 21- ed il 25 con inzio alle ore 17:30, arriva “4 3 3 ovvero quello che del calcio non vi hanno mai raccontato”, spettacolo che sarà in scena al Piccolo Teatro Guascone in Via dei Marsi 41 a Pescara, grazie a Orazio Di Vito, Raffaella Cardelli, Andrea Maria Costanzo, e la partecipazione straordinaria di Marta Cocco tra i fondatori del TiT di Buenos Aires nel 1976 (Taller di Investigaciones Teatrales movimento di resistenza culturale alla Dittatura militare Argentina), nonchè regista, attrice e traduttrice; è inoltre Ricercatrice di Teatro e Politica Latinoamericana (Phd King's College,London) 

Questa la nota divulgata in merito:

"Un giornalista chiese alla teologa tedesca Dorothee Solle: “Come spiegherebbe ad un bambino la felicità ?”. ...”Non glielo spiegherei” , rispose, “gli darei un pallone per farlo giocare”
433 è uno spettacolo rivolto a tutti, non solo agli appassionati di calcio.Una narrazione da un punto di vista insolito sullo sport più amato del mondo. 
433 cerca di raccontare, attraverso il gioco del calcio, un secolo di storia del mondo occidentale. Racconta di uomini che combatterono contro razzismo, guerre o dittature e solo per un caso del destino furono anche calciatori. 
Il testo è ispirato e segnato da Eduardo Galeano, intellettuale finissimo che seppe raccontare il gioco del calcio come mai nessuno prima.Diceva Galeano : il calcio è come una religione, o lo si ama o lo si odia. Questo spettacolo ha l'ambizione (difficile) di riunire sotto l'unica bandiera del teatro, l'una e l'altra fazione.
Non vi racconteremo di Pelè o Maradona, nè di Messi o Ronaldo, ma di grandi calciatori che sono stati soprattutto grandi uomini. 
Una narrazione che non tralascia uno spazio "privato" dedicato al Pescara, la squadra del cuore.  Un bambino con un pallone in mano è l'arma più forte che abbiamo, non sprechiamola con chiacchere inutili".



 

Commenti

20-04-2012, Padova - Pescara 0-6. Sebastiani: "Senza Perin sarebbe finita 13-0"
Rapina con pistola a Pescara: bottino di 2.500 euro