Prima squadra

Pillon: "Abbiamo toppato, ma guardiamo il bicchiere mezzo pieno"

Le parole del tecnico prima della sfida al Cosenza

29.10.2018 13:52

C'è il ko interno da cancellare per il Pescara e per fortuna si torna subito in campo, domani a Cosenza. L'imperativo è rialzarsi subito. Mister Bepi Pillon ha incontrato la stampa prima della partenza per la Calabria

Tanti i dubbi di formazione per il tecnico di Preganziol che non fa drammi per lo stop patito sabato scorso. Prima o poi un passo falso sarebbe dovuto arrivare.

"E' normale la delusione, la sera si è dormito poco e male ma siamo sempre in una posizione ottima di classifica però. Dobbiamo guardare il bicchiere mezzo pieno, prima dell'inizio del campionato avremmo messo la firma per essere in questa posizione in questo momento. C'è da migliorare, lo dicevo anche quando si vinceva. Non dovevamo prendere un gol di quel tipo. Ci siamo innervositi e abbiamo perso il filo logico della partita. Abbiamo toppato, abbiamo giocato male ma guardiamo avanti. Devi saper gestire le partite, quando non puoi vincere non devi perdere. Dobbiamo sempre essere tosti e determinati. Non ci deve essere contraccolpo e non ci deve essere alcuna remora, non si poteva pensare di vincere o pareggiare tutte le partite. Se siamo squadra vera dobbiamo reagire e dimostralo domani sera", le parole di Pillon. "L'ambiente di Cosenza è molto caldo, conosco Braglia ed è un tecnico di temperamento. Il Cosenza non meritava di perdere a Brescia, domani sarà una partita vibrante. Noi dobbiamo essere concentrati su noi stessi e fare come sempre la nostra partita per ottenere il massimo. L'atteggiamento non cambia. Ce la giochiamo. Brugman? Si è allenato, domani deciderò. Vedremo le reazioni domani di chi è più stanco e di chi aveva qualche problema. Kanoutè si è allenato. Campagnaro è a disposizione, si è allenato e se sta bene gioca. Antonucci sta bene.  Qualcosa cambierò, ma non sconvolgerò la squadra.  Ho una notte per pensarci e lo farò". 

Commenti

Mercato: derby di Milano (e non solo) per Machin
Mancuso è ancora il giocatore più determinante in B: ecco perchè