Prima squadra

Pescara-Spezia, Monachello: "Io e Mancuso siamo complementari. Avanti tutta"

Le parole del centravanti biancazzurro nel post partita

03.03.2019 18:39

A CURA DI DANIELE BERARDI

Gaetano Monachello è l'emblema del nuovo Pescara operario, targato 4-3-1-2. Lui a far la guerra, Marras a rifinire e Mancuso a trasformare in oro tutto questo ben di Dio: "Mi piace lottare per la squadra. Certo, un attaccante ha bisogno del gol ma la mia priorità è sempre il collettivo. Ci tenevamo a riscattare la sconfitta di Benevento".

Sugli obiettivi: "Inutile negare che eravamo partiti con tutt'altre aspettative ad inizio campionato. Ma ora siamo lì e dobbiamo crederci. Siamo una squadra umile che deve lavorare a testa bassa. L'Adriatico tornerà ad essere il nostro fortino".

Sul feeling con Mancuso: "Siamo due calciatori assolutamente complementari. Con questo modulo riusciamo a riempire meglio l'area di rigore, anche grazie agli inserimenti delle mezze ali".

Sul gruppo: "Siamo una squadra molto unita e ci aiutiamo l'un l'altro. Io sono sempre il primo a difendere i miei compagni in mezzo al campo. Sono siciliano e ho il sangue caldo. Da me non è mai stata facile la vita e quando toccano un membro della mia famiglia (che è oggi il Pescara) perdo le staffe".

Commenti

Il retroscena inedito su Padova-Pescara 0-6: "Litigammo prima del match, poi..."
Pescara-Spezia, Bruno: "Penso a giocare. Le chiacchiere le lascio agli altri"