Pallanuoto

Il recordman della pallanuoto è pescarese e tifa Delfino

Francesco Di Fulvio è il più grande talento italiano e nel calcio tifa la squadra della sua città

11.01.2019 11:50

Pescara è la città della pallanuoto, indimenticabili gli anni nei quali il Settebello biancazzurro dominava in Italia ed in Europa. In attesa di rivivere i fasti del grande passato che fu (in A2 si sta ben comportanto la squadra pescarese e punta nel breve volgere di qualche anno a tornare nel Gotha della disciplina), Pescara si gode il suo figlio prediletto,  Francesco Di Fulvio, che è il più forte giocatore italiano. Addirittura il Corriere della Sera ha dedicato un pezzo al giocatore, che vanta un record eccezionale: è una macchina da gol , sempre a segno nelle ultime 38 gare. Incredibile! 38 partite di fila con il suo nome iscritto al tabellino alla voce "marcatori" per un tottale al momento di  84 reti. L'ultima voltaè stata il 6 maggio 2017: la Pro Recco perde 7-6 a Brescia e lui, il miglior pallanuotista italiano, clamorosamente non segna.

25 anni, Di Fulvio con la Pro Recco ha vinto 4 scudetti, 4 Coppe italia, 1 Champions e 1 Supercoppa e col Settebello Azzurro un bronzo olimpico ed europeo: ma il meglio sembra dover ancora arrivare...

Di Fulvio è figlio e fratello d’arte: suo padre Franco ha giocato nel grande Pescara di Estiarte che fece la tripletta campionato-Champions-Coppa Italia nel 1988 («Io l’ho già fatta nel mio primo anno a Recco e spero di rifarla quest’anno: baratterei di smettere di segnare per la Champions...», ha raccontato al Corriere), mentre i suoi due fratelli maggiore, Andrea e Carlo, giocano nella Florentia in A1 e nel Pescara in A2: «E anche mia mamma ha giocato un po’... Si vede che era un destino. Praticamente siamo nati con la calottina», le sue parole sempre a Corriere.it. Tifoso del Pescara per ragioni di nascita, non ha nascosto la sua fede biancazzurra anche al più celebre dei quotidiani italiani. E magari l'anno prossimo sarà sugli spalti del Marassi se il Pescara in questa stagione dovesse centrare il più grande degli obiettivi....

 

Commenti

Vittorio Feltri racconta l'Allegri pescarese (e il suo rapporto con Galeone)
Un nome nuovo per l'attacco biancazzurro