Prima squadra

Gravillon, contratto quadriennale sognando Thuram

Il giocatore si è raccontato di recente a Il Centro

12.02.2018 00:13

Sogna in grande Andrew Gravillon, il primo arrivo del mercato invernale del Pescara. Punta a riconquistare in biancazzurro (contratto di 4 anni per lui) quella Serie A che ha assaggiato appena col Benevento e si augura di ripercorrere le orme di un altro difensore originario della Guadalupa, ovvero Lilian Thuram

Il giocatore si è racconatto di recente a lI Centro e noi vi riproponiamo gli stralci più interessanti delle sue dichiarazioni.

L'INFANZIA, GLI INIZI E L'IDOLO - «Sono nato in Guadalupa, a Pointe-à-Pitre per l’esattezza, poi a 2 anni la mia famiglia si è trasferita in Francia, a 10 anni sono tornato in Guadalupa e l’anno seguente di nuovo in Francia, a Garges-lès-Gonesse (30 km a nord di Parigi). I miei genitori risiedono ancora lì e ho due fratelli più piccoli. Mia madre, Sandra, lavora in una casa di riposo e mio padre, Pierre, fa l’autotrasportatore. Tra qualche giorno mi raggiungeranno quHo iniziato a giocare a calcio a 4 anni, subito dopo essermi trasferito dalla Guadalupa in Francia. Sono cresciuto con il pallone tra i piedi, ma allo stesso tempo giocavo anche a pallamano Un mio allenatore, Ghezzal, che lavorava nel Garges, la mia prima società francese, mi disse che avevo la stoffa e che dovevo pensare solo al calcio. Così ho fatto e poi, nel 2013, gli osservatori dell’Inter, durante un torneo, mi hanno notato. La pallamano mi piaceva, ma ho fatto una scelta anche per il futuro. Nella pallamano avevo qualche chance, mentre il calcio poteva rappresentare in futuro. L'idolo?  Lilian Thuram. Lui è il mio idolo. Sono cresciuto ispirandomi al suo modo di giocare. Thuram è stato il difensore francese più forte della storia e mi piacerebbe seguire le sue orme Da bambino giocavo in attacco, poi, nel Garges, sono stato arretrato in difesa. La rapidità e il fisico possente hanno fatto di me un difensore centrale affidabile Della Guadalupa che ricordi ho? Bellissimi. Appena posso ci torno, dato che lì ho ancora tutti i miei parenti. È un posto unico al mondo, fa sempre caldo, ci sono spiagge meravigliose e dei paesaggi unici. Quando sono arrivato in Italia in molti mi dicevano che gli italiani erano razzisti. Non è assolutamente vero. Io non ho mai avuto problemi, anzi, sono stato sempre trattato benissimo anche perché il colore della pelle non conta».

L'ITALIA E L'INTER E...VERRATTI 
«Il mio arrivo in Italia come è stato fantastico. Sono arrivato a 16 anni all’Inter, nella squadra Allievi, e ho trovato Cauet (ex centrocampista nerazzurro) come allenatore. Ho fatto tutto il settore giovanile ad Appiano Gentile e poi ho vinto Coppa Italia e scudetto con la Primavera. L’Inter mi ha insegnato tanto, specie a livello caratteriale e mi ha dato una mentalità ben precisa Che ricorsi ho?. Stupendi. C’era Mancini in panchina e mi fece debuttare in prima squadra durante un test amichevole, a Dubai, contro il Paris Saint Germain, la mia squadra del cuore da bambino. Entro e, dopo pochi minuti, prendo subito un giallo per un fallo su Augustin (inseguito in epoca Oddo a lungo proprio dal Delfino, ma invano NDR). Giocare contro Ibra, Thiago Silva e Verratti non capita sempre. Tra l’altro Verratti è di Pescara e giocare qui per me è un vero onore. L’allenatore migliore che ho avuto? Stefano Vecchi all’Inter in primis, ma anche De Zerbi a Benevento mi ha dato tanto».
PESCARA E ZEMAN 
«sONO QUI Per Zeman. Potevo andare al Novara, che è poco distante da Milano, ma, dopo aver parlato con l’agente, ho deciso di venire a Pescara perché qui c’è un tecnico che mi può far diventare “un leone” a livello tecnico. Non ci ho pensato due volte e ho firmato un contratto di 4 anni che mi riempie d’orgoglio. Per me Pescara rappresenta un punto di partenza e sono felice di essere qui. Voglio diventare uno dei difensori più forti al mondo e poi scommetto che questa squadra può arrivare lontano Sono arrivato in una squadra che lotta per l’alta classifica e il Pescara ha tutte le carte in regola per provare a tornare in serie A. L’impatto col calcio del boemo? Ottimo. Si lavora e si corre tanto, come piace a me, lui parla poco, ma è un maestro. Spero di fare bene» L’impatto con Pescara? Buono. Mi piace come città, è a misura d’uomo e c’è il mare. Io vivo a Montesilvano e mi trovo molto bene».
 

Commenti

Pescara e Salernitana, sfida per spiccare il volo
Pescara in lutto: ci lascia Bruno Pace