Prima squadra

Pescara-Salernitana, che sbaglia può davvero finire nei guai

Le premesse degli ultimi 90' di fuoco all'Adriatico

11.05.2019 00:03

L'Adriatico-Cornacchia è il crocevia dei destini di buona parte della Serie B. Dall'esito del match in programma a Pescara, infatti, e vicenda Palermo permettendo, si capirà il futuro in chiave playoff o playout di varie squadre. La Salernitana deciderà il destino della propria stagione all’Adriatico, dove una volta è retrocessa in Serie C, perdendo 0-1 ai tempi supplementari lo spareggio-salvezza col Cosenza: era il 26 giugno 1991. Altra epoca ma spettri identici, dunque, per i granata, reduci da una settimana complicatissima con il ritiro di Roma ed il cambio di allenatore. Menichini però non avrà vita facile a Pescara, dove Bepi Pillon alla panchina numero 500 in carriera tra i professionisti cerca in biancazzurro un nuovo capolavoro: dopo aver centrato la salvezza nella scorsa stagione, da subentrante in una situazione che si stava facendo drammatica, oggi cerca l'ingresso dalla porta principale (il quinto posto) ai playoff con una squadra tecnicamente inferiore alle altre contendenti e per di più indebolita a gennaio. Non gli basterà a tenersi la panchina pescarese per l'anno prossimo - il cambio è praticamente certo, il rapporto con Sebastiani è logoro come tesimoniano le esternazioni presidenzialidi ogni settimana -  ma farà di tutto per regalare un sogno alla città di Pescara, che lo ha accolto e gli ha donato affetto come di rado è capitato ad altri negli ultimi 20 anni. Con tre punti il quinto posto sarebbe assicurato, con uno solo è certo solo l'ingresso ai playoff mentre con una sconfitta bisognerà attendere buone news dagli altri campi: siete pronti a vivere 90 minuti di fuoco?

Commenti

In arrivo un nuovo terremoto in Serie B
Pescara - Al via la sesta Mezza Maratonina del Mare