Prima squadra

Fiorillo: "Io da capitano non ammetto certe cose"

A Rete8 le parole del capitano

27.09.2019 08:49

Parole di e da capitano. Vincenzo Fiorillo a Rete8 cerca di dare la scossa all'ambiente biancazzurro per spegnere sul nascere i primi mugugni. E lo fa pronunciando parole non banali.

"Col Crotone vogliamo fare meglio di quanto abbiamo fatto, ma conosciamo quelle che sono le difficoltà di questo campionato e perdere a Cittadella non dico che ci può stare, ma non va dimenticato che siamo andati a casa di una squadra che ha fatto la finale per la serie A. Quindi bisogna essere un po' più lucici nei giudizi, perchè si sentono sempre tante critiche nei confronti di questa squadra e a volte sono infondate. A volte sembra che non si veda l'ora che il Pescara perda per criticare allenatore e presidente. Credo che questi non siano i veri tifosi del Pescara, i veri tifosi del Pescara erano a Cittadella e ci hanno applaudito. Veniamo da una semifinale playoff, ma si respira sempre un clima negativo verso il presidente, l'allenatore e il suo staff, che è bravo e composto in maggioranza da abruzzesi. Non si vede l'ora di criticare ogni scelta. Io credo tanto nella mia squadra, ce ne sono di più forti ma se lavoriamo in una certa maniera e col supporto di tutti si può fare qualcosa di bello. Altimenti ogni domenica si fanno processi e giudizi e si cresce molto più lentamente. L'anno scorso giocavamo male  e vincevamo ed erano tutti contenti, quest'anno se vinciamo e giochiamo male non si è contenti e non capisco il motivo. Allora, si criticano a prescindere le persone e io da capitano non ammetto certe cose, ci sono tanti ragazzi arrivati quest'anno e vorrei spiegare il bello di giocare per questa squadra e questa maglia. Ma  a volte faccio fatica, quando fai una vittoria a Cosenza per 2-1 in un campo difficilissimo senza fare un calcio spettacolo, che in B dopo tanti anni faccio ancora fatica a vedere, veniamo in casa con l'Entella e dopo 15 minuti per un passaggio sbagliato sentiamo tutti i distinti fischiare, faccio fatica a spiegare ai ragazzi nuovi che Pescara non è questa. Ringraziamo invece i ragazzi della Curva e quei 4-500 che sanno riconoscere quando la squadra può essere in difficoltà e che c'è un gruppo di persone che vuole il bene del Pescara. Quello che noto io è che a volte alcuni sono contenti che il Pescara per de per criticare: questi non sono tifosi del Pescara e farebbero meglio a tifare altre squadre"

Commenti

Subito in campo. C'è il Crotone da battere
Ecco le formazioni ufficiali di Pescara-Crotone: Zauri propone novità