Prima squadra

Palmiero: "Prima la salvezza, ma sappiamo di poter ambire a qualcosa di più"

Così il giocatore al Corriere dello Sport

20.11.2019 00:53

La presenza di Luca Palmiero contro la Cremonese è a forte rischio, per un'infiammazione al tendine rotuleo del ginocchio sinistro conseguente ad un trauma che lo rende sofferente già da parecchie settimane. Ma la sua presenza è fondamentale. "Non credo che un giocatore possa spostare gli equilibri. A me discpiace che non riesca ancora a trovare continuità, in ogni caso quando non ci sono stato io tutti quelli che mi hanno sostituito hanno offerto ottime prestazioni. E non lo dico per piaggeria", le parole del centrocampista in una lunga intervista rilasciata al Corriere dello Sport. Sbarcato a Pescara su consiglio di Lorenzo Insigne, non pensa al Napoli. "Sono concentrato solo sul Pescara", conferma. "Mi trovo benissimo. Manca entusiasmo? Dovremo essere noi bravi ad accenderlo e a portare più persone allo stadio. Stiamo trovando la quadra. Ultimamente abbiamo sfoderato prestazioni strepitose che vanno oltre il risultato. Noi siamo convinti che riusciremo a toglierci qualche soddisfazione, però pensiamo intanto alla slavezza perchè quello è il primo step da cui non si può prescindere, al tempo stesso sappiamo di poter ambire a qualcosa di più". Sulle avversarie per l'obiettivo più grande, Palmiero non ha dubbi: "Benevento e Empoli, anche se a me ha impressionato il Crotone. Poi ci sono Cremonese, Perugia, Chievo e Frosinone che ci toccano da qui a fine girone d'andata"

Commenti

Erano “Poveri ma belli". Ma vincenti
La Serie B introdurrà il Var: ufficiale