Prima squadra

Pillon: "Adesso la musica cambia perchè inizia un nuovo campionato. E.."

Vigilia di Pescara - Cremonese, parla il tecnico di Preganziol

19.01.2019 12:11

Viglia di Pescara - Cremonese, parla Bepi Pillon. Tanti gli argomenti all'ordine del giorno, tra mercato e riprea del campionato....

"Domani sarà una bella verifica per capire se saremo sul pezzo, abbiamo lavorato bene fisicamente e tatticamente. Anche la carica nervosa sarà importante, adesso la musica cambia perchè inizia un nuovo campionato. Lo abbiamo visto anche nell'anticipo, il girone di ritorno è molto più duro di quello d'andata. Da quando sono qui il 2018 è stato ottimo, per i risultati e su come ci siamo espressi. Non vorrei più rivedere gli errori fatti a Verona e in parte a Palermo, quando non ho visto la squadra con la cattiveia agonistica giusta, Serve sempre la carica nervosa giusta. La squadra sta bene, Del Grosso è pronto mentre Balzano ha saltato due giorni e devo valutare molto attentamente tra lui e Ciofani. Scognamiglio sarà della partita, ha fatto benissimo ed è andato in crescendo. Machin? Dico ai miei giocatori di non dar retta a quello che leggono sui giornali, devono essere tutti concentrati sul Pescara e se sono persone intelligenti devono stare con la testa solo sul Pescara. Machin lo vedo normale, come sempre, sta sul pezzo e si è allenato bene. Brugman? In estate è stato un tormentone fino all'ultimo, adesso è la stessa cosa ma alla fine resta sempre qui. Il presidente non parla a vanvera, se ha detto che non si vuole rompere il giocattolo è così. Bettella? Buona tecnica di base ed è intelligente, ci dobbiamo lavorare. E' di grande prospettiva, può fare il percorso di Gravillon. Ma non voglio parlare di mercato, abbiamo fatto delle scelte sui giocatori in uscita. Non vogliamo stravolgere niente, chi verrà deve avere fame, voglia e determinazione di lottare per il posto. Penso alla conferma? E' l'ultimo dei miei pensieri. Penso alla Cremonese, è la cosa più importante. 

Mancuso? Possiamo giocare con le due punte vicine o in altro modo, niente è precluso, nemmeno metterlo esterno. Ma si esprime meglio come punta centrale. Degli attaccanti esterrni a disposizione sono soddisfatto, di tutti. Fanno un gran lavoro, guardo tutti gli aspetti e loro sono determinanti per dare equilibrio alla squadra con il loro lavoro in fase difensiva. Ho 23 giocatori che chiedono spazio, devo fare delle scelte perchè ne giocano 11. Sono pagato per fare delle scelte e le faccio cercando di non sbagliare, cercando di fare meno ca**ate possibile", ride. "Aspetto Tumminello? Non conosco allenatori che garantiscono il posto, chi viene deve avere fame. Anche in C ci sono giocatori che possono giocare in B, come Marras. Capone? E' a disposizione, ma viene da un lungo stop e non è ancora pronto. 

Noi dobbiamo puntare a fare più punti possibili e a giocare bene tutte le partite, dobbiamo fare il nostro percorso e ad avere continuità di risultati. Chi ha più continuità vince, avere un trend positivo di costanza è importante. Non dobbiamo porci obiettivi, pensiamo ai 45 punti per la salvezza e poi penseremo ad altro. Io ragiono per obiettivi, non vado più in là. Una volta che saremo arrivati a 45 punti il prima possibile ci porremo un altro obiettivo. La Cremonese? E' in assoluto una delle squadre più forti, l'ho detto all'inizio e lo confermo ora. E sta per prendere anche giocatori importanti, va presa con le molle. Domani è il comleanno della nuova società? La società è stata brava, cammina da sola senza correre i rischi di tante altre dopo aver ripianato i debiti. Il lavoro fatto è stato grande ed importante. Bubù? E' giusto l'omaggio che gli verrà tributato". 

Commenti

Rossi spiega: “Venezia scelta personale”
Una poesia per Rigopiano