Pallanuoto

Clamoroso al Pescara Pallanuoto: torna Amedeo Pomilio!

Una notizia importantissima per lo sport locale

06.02.2018 11:51

Una notizia clamorosa, bella e anche carica di emozioni: Amedeo Pomilio torna a Pescara. E' ufficiale il suo ingaggio da parte della società biancazzurra in qualità di supervisore tecnico. Un incarico destinato a tramutarsi, nella nuova stagione, in direttore tecnico. "Ci sembrava giusto così - ha detto Amedeo - perché la stagione attuale è in corso ed è bene che io mi limiti a supervisionare le attività per capire meglio dove intervenire in seguito".
Amedeo Pomilio avrà competenza su tutte le categorie, con una particolare attenzione al settore giovanile che è anche un pallino del Pescara Pallanuoto: "Ho accettato con entusiasmo le proposte del presidente Marinelli e del vice Di Properzio, perché vedo delle basi importanti su cui poter lavorare". E' il caso di sottolineare che Pomilio collaborerà con la squadra della sua città e lo farà compatibilmente con gli impegni importanti che lo legano in modo indissolubile anche alla nazionale italiana maschile in qualità di vice-allenatore di Sandro Campagna.
E poi c'è l'aspetto emozionale, non secondario. Amedeo è stato uno dei più grandi mancini della pallanuoto mondiale e con la calottina del Pescara ha conquistato tutti i trofei più prestigiosi: "E' vero, per me Pescara resta un pezzo di storia ma anche un pezzo di cuore. Poter dare il mio contributo all'interno della mia squadra dove ho vissuto momenti indimenticabili è qualcosa di speciale, l'obiettivo è di far crescere i tanti giovani che ci sono nel Pescara Pallanuoto e hanno il sogno di arrivare sino alla prima squadra".
Senza dimenticare che il ritorno di Amedeo Pomilio in biancazzurro segue di pochi mesi la scomparsa di papà Gabriele. Magari è un segno del destino, o forse solo semplice programmazione lungimirante, ma è bello pensare che la dinastia dei Pomilio nella pallanuoto pescarese continui ancora a lungo.

Commenti

Pescara - Salernitana story
Pescarese diventa campione a L'Eredità di Rai 1