Rubriche

ZEMAN'S KARMA - Niente botti di mercato e Sebastiani accende la miccia

La rubrica curata dal GruppoZeman

01.02.2018 12:46

Tempo di bilanci di mercato: questo il pensiero dal punto di vista zemaniano ed affidato a Salvio Imparato, esponente del GruppoZeman diretto da Salvatore Piedinonte. La rubrica è "Zeman's Karma".

Buona lettura!

Nessuna sorpresa di mercato, per il Pescara nei minuti finali, e Sebastiani ieri ospite di Profeta a Rete8 sport, ha più volte ribadito la sua convinzione di aver rinforzato la rosa. Certo è stato fatto un grande lavoro di sfoltimento, ma l’unico obiettivo di mercato centrato è Filippo Falco, gli altri (Machin e Yamga su tutti) sono prospetti interessanti che non sappiamo quanto possano incidere in questa stagione. Non è sicuramente facile centrare tutti gli obiettivi, ma con l’appeal del binomio Pescara-Zeman era difficile aspettarsi tanti rifiuti (Pessina e Embalo) in queste due sessioni di mercato, forse con il tempo qualcosa sarà cambiato.

Ora non resta che scrollarsi di dosso le brutte sensazioni di Pescara-Perugia, un avversario che ha chiuso tutti gli spazi e ha evidenziato i problemi di questa squadra, comunque alta e con il pallino del gioco in pugno, a creare quella mole di occasioni che contraddistinguono il gioco del Boemo, il carico dei richiami di preparazione forse può aver levato brillantezza negli ultimi metri infatti Capone Pettinari e Mancuso hanno fatto fatica, una nota di merito va ai due centrali difensivi, hanno quasi sempre accorciato con i tempi giusti e si sono visti tanti anticipi da dietro, ottimo segnale per l’interpretazione della difesa alta.

Parola al campo e al lavoro di Zeman quindi, non potrà più lamentarsi il Boemo, almeno questo è quello che ha detto ieri Sebastiani, il mister dovrebbe dimostrare di voler restare a Pescara evitando mugugni, ma dopo aver dichiarato di preferire un mercato giovane e di prospettiva forse i mugugni non saranno quelli di Zeman.

Commenti

Frosinone - Pescara story
Ricercato in Francia catturato a Pescara: entrato clandestinamente in Italia, aveva continuato a delinquere