Prima squadra

Dopo l'arrivo di Palmiero è tempo di cessioni. Poi rotta su Melchiorri

Nel mirino anche Dermaku, Pasquato, Sottil e Vlahovic

25.07.2019 00:37

Il Pescara non si fermerà all'ultimo colpo realizzato. Annunciato l'arrivo di Luca Palmiero, centrocampista classe ’96 che ha svolto martedì le visite mediche prima di unirsi al gruppo nel ritiro di Palena, la nuova fase del mercto biancazzurro sarà connotata dalle dismissioni prima di effettuare nuovi ingressi. 

In tal senso, oltre ai vari Ventola (appetito da Ternana, Reggiana e Teramo) e a Selasi (occhio al Potenza), bisogna prestare attenzione - come più volte riportato - a Gaston Brugman. Al di là delle smentite di rito, qualcosa bolle in pentola per il capitano che però lascerà Pescara solo in caso di chiamata dalla Serie A, nostrana o estera. In Italia c'è il Parma, soluzione preferita eventualmente dal Pescara (possibile formula: prestito oneroso e riscatto obbligatorio, come accadde per Machin, per una cifra totale vicina ai 2 milioni con possibilità di inserire il prestito di Dermaku), mentre all'agente stanno arrivando sondaggi da Grecia (Paok Salonicco) e Spagna (Eibar, Villareal e Betis in ordine di insistenza) per saggiare la disponibilità del ragazzo al trasferimento. La sensazione è che, non comunque a breve, qualcosa possa succedere. C'è poi Kanoutè da monitorare: anche lui è in orbita Parma e può uscire (la formula non dovrebbe essere dissimile, in caso)

In avanti attenzione a Bunino, che può lasciare Pescara in prestito (Triestina probabilmente) dopo aver allungato il vincolo fino al 2023. Anche Marras (a titolo definitivo) e Di Grazia (in prestito) potrebbero cambiare aria. 

Solo dopo queste (e altre) dismissioni, si opererà ancora in entrata. Fari puntati sempre su Melchiorri, che può effettivamente arrivare. Ma con calma, come già raccontato. Il Perugia continua a chiedere una cifra alta, che il Delfino nun vuole sborsare per un giocatore ultratrentenne e che va a scadenza nel 2020. Il giocatore appare un separato in casa nonsotante la presenza di Oddo e i biancazzurri puntano a chiudere per una cifra complessiva che, comprensiva di bonus, non superi i 400mila/500mila euro. L'ideale sarebbe che il giocatore si liberasse dal contratto in essere col Perugia per poi accasarsi altrove, spalmando in un puriennale la cifra, ma appare ipotesi non troppo semplice da realizzare. Sul taccuino biancazzurro ci sono anche i nomi di Vlahovic e Pasquato, mentre le ipotesi Segre e Di Tacchio al momento non trovano riscontri. Per Brunori Sandri potrebbero dunque chiudersi le porte del Pescara: su di lui è forte l'interesse dell'Entella. Tutino resta strade in salita: ecco perchè Pasquato è da tenere in considerazione con Zauri che può virare sul 4-3-1-2. Attenzione però a Sottil: è lui l'obiettivo principale del Pescara e, nonostante le buone indicazioni fornite in tourneè coi Viola, può davvero tornare in prestito al Delfino. A breve attesi sviluppi

MERCATO BABY -  Ufficialmente prelevato il giovanissimo attaccante classe 2009 Federico Florindi, proveniente dall'Asd Silvi Calcio, il centrocampista classe 2006 Clarke Nicolai Kahlil dal Sambuceto e il difensore centrale classe 2006 Alessio Di Blasio dal Valle del Vomano

 

Commenti

Laura Pausini: "Amo l'Abruzzo"
Ufficiale: Perrotta è del Bari