Prima squadra

Coppa Italia: le premesse di Brescia - Pescara

Antipasto della B che verrà stasera al Rigamonti

12.08.2017 11:40

Il Pescara è un cantiere aperto, il Brescia forse è messo anche peggio. Questa sera allo stadio Rigamonti ci sarà un piccolo antipasto della serie B che verrà, ma il campionato è ancora lontano e tanto in Abruzzo quanto in Lombardia campeggia uno stesso cartello: "Work in progress". Il mercato è ancora aperto ed entrambe le compagini necessitano di ulteriori puntelli. Ma la sfida di stasera in Coppa Italia per ambedue le squadre è un buon rodaggio. Soprattutto per il Pescara, più avanti delle Rondinelle nella costruzione del team, che non ha finora disputato amichevoli probanti per testare lo stato di salute complessivo dopo le dure fatiche del ritiro (chissà Zeman cosa penserà di come è stato organizzato il precampionato...)

QUI PESCARA - Dopo il debutto pirotecnico di sei giorni fa (5-3 alla Triestina e tante emozioni) il Pescara prova a proseguire la sua avventura in coppa Italia. Zeman ha convocato 21 calciatori per la sfida delle ore 20:30. Restano fuori dalla lista Benali, Memushaj, Biraghi, Campagnaro, Bovo, Fornasier, Mancuso e Nicastro, alcuni per questioni fisiche ed altri per le vicende in essere di mercato intorno ai propri nomi. Zeman dovrebbe lanciare Ganz dal primo minuto con Pettinari e Cappelluzzo inizialmente in panchina, il tridente sarà completato da Latte Lath e CaponeA centrocampo spazio a Coulibaly insieme a Brugman e Proietti, mentre in difesa Perrotta dovrebbe sagire in coppia con Coda con esterni Zampano e Mazzotta (ma occhio al possibile impiego di uno scalpitante Crescenzi al posto del terzino corteggiato dall'Udinese).

QUI BRESCIA - Sulla panchina dei lombardi ci sarebbe potuto essere Massimo Oddo che ha preferito declinare la proposta di Massimo Cellino. Il closing recentissimo non ha portato subito la rivoluzione attesa e dunque Boscaglia è rimasto in sella. E punta al passaggio del turno per consolidare la propria posizione. "Abbiamo fatto una riunione tecnica in cui si è delineato il lavoro che verrà fatto per completare la rosa. Sono felice e onorato che Cellino abbia scelto me per guidare questa squadra. Sono anche soddisfatto che siano rimasti molti dirigenti perché è un importante segno di continuità. I ragazzi hanno cercato sempre di tenersi distaccati dagli eventi esterni, ma quando hanno appreso la notizia dell’arrivo del presidente Cellino un moderato entusiasmo c’è stato", ha detto Boscaglia. "Il Pescara? Sono molto felice di confrontarmi per la prima volta con Zeman, è un personaggio straordinario che fa un calcio molto propositivo che a me personalmente piace molto. Loro sono una squadra costruita per ambire a posizioni importanti, ma noi proveremo a fare il nostro gioco. Di sicuro non ci si annoierà, aspetto con entusiasmo questa sfida”

PER CONOSCERE L'ARBITRO DELLA SFIDA CLICCA QUI 

Commenti

Cassani: "Il nostro ciclismo ha vissuto tempi migliori, ma.."
Zeman jr attacca l'arbitro: "Tifoso della Juve o del Chieti, sapevo avrei perso"