Prima squadra

Il Pescara contro il Perugia per ripartire

12.04.2019 00:01

Neppure in una stagione positiva come quella che stiamo vivendo, il Pescara riesce a rimuovere il tabù Del Duca. Da trent'anni infattii i biancoazzurri non vincono in casa dell'Ascoli e nell'ultimo derby marchigiano abruzzese, la squadra del mister Bepi Pillon è tornata a bocca asciutta dalla trasferta.  E non servono tanti calcoli matematici o una sorta di tutorial guida ai bonus benvenuto per capire che se si vogliono blindare i play off e mantenere intatto il sogno del ritorno in Serie A, serve assolutamente una vittoria nel prossimo match previsto dal calendario del campionato cadetto.
Nell'anticipo di venerdì 12 aprile alle 21 allo Stadio Adriatico arriva il Perugia del Campione del Mondo 2006 Alessandro Nesta. Gli umbri sono reduci da una brutta sconfitta interna contro il Benevento che segue quella in trasferta a Crotone, ma nonostante questo doppio stop i perugini sono ancora assolutamente in corsa per un posto nei playoff. Il gap tra Pescara e Perugia è infatti di quattro punti e soltanto una vittoria abruzzese sancirebbe quasi sicuramente le gerarchie in classifica in modo definitivo. Una partita dunque fondamentale per continuare a sognare la Serie A passando dai playoff. 
Stando ad alcune indiscrezioni anche il destino di Pillon sarà deciso proprio dall'esito del match contro il Perugia visto che il Presidente Sebastiani sarebbe pronto ad affidare ad altri la panchina del Pescara nel caso di una nuova sconfitta in casa. Uno scenario, quello di un nuovo KO per il Pescara, che ovviamente ci si augura davvero non si materializzi in alcun modo. Intanto la rosa è già tornata al lavoro con allenamento differenziato per Hugo Campagnaro, Davide Bettella, Ferdinando Del Sole, Gaston Brugman e Ledian Memushaj. Proseguono invece il percorso di recupero Filippo Melegoni e Giuseppe Scalera.
Certo il campionato non finisce venerdì prossimo qualsiasi sarà l'esito dell'incontro, visto che il Pescara ha poi altri quattro impegni nella cosiddetta "regular season" di questa surreale Serie B composta da 19 squadre. Dopo il Perugia infatti, nel giorno di Pasquetta, i biancoazzurri salgono a Carpi dove la squadra di casa sarà alla disperata ricerca di punti in chiave salvezza visto che attualmente si trovano nella penultima posizione del campionato cadetto. Per quanto visto fino ad oggi, i risultati ci dicono che il Pescara è una squadra di ben altro livello ma occhio alla forza della disperazione che a volta ribalta i valori tecnici.
Il 27 aprile sarà poi la volta dell'impegno casalingo contro il Verona che attualmente divide con il Pescara la quinta e la sesta posizione con lo stesso numero di punti, 48 per la precisione. Guardando la classifica con lo Spezia a cinque punti di distacco da entrambe, sia Verona che Pescara dovrebbe arrivare agevolmente ai play off ma il campionato cadetto è sempre ricco di colpi di scena e trabocchetti quindi davvero questa partita potrebbe essere un crocevia per entrambe le formazioni.
Dopo il Verona altra squadra veneta da affrontare, questa volta in trasferta. Per il Pescara infatti c'è il Venezia di mister Serse Cosmi. Anche i lagunari sono alla ricerca di punti salvezza se pur in una posizione migliore del Carpi. Difficilmente per il 4 maggio, data della sfida contro il Pescara, la squadra sarà già priva di stimoli e dunque si prospetta un'altra partita carica di tensione ed agonismo.
Il campionato del Pescara si chiuderà poi in casa contro la Salernitana ed in questo caso invece, salvo scivoloni nelle prossime settimane, i campani potrebbero davvero arrivare all'appuntamento senza avere più obiettivi da chiedere al campionato. Di certo è la speranza del Pescara visto che indubbiamente il fattore motivazionale è tutt'altro che trascurabile per l'esito finale delle partite.

 

Commenti

Rocco Pagano, colui che fece tremare perfino Paolo Maldini
Torna il Pescara Comix & Game