Prima squadra

L'emergenza regala una grande chance a Davide Bettella

Il Millenial è pronto all'esordio

14.04.2019 17:17

Il Millenial è pronto. Davide Bettella, classe 2000 da gennaio in biancazzurro, è pronto a fare il suo debutto da titolare in maglia Pescara. Le assenze degli infortunati Gravillon e Campagnaro e la squalifica di Scognamiglio spalancano le porte di Pescara-Carpi a quello che è ritenuto il più forte difensore della sua generazione, come testimonia la ricca e felice carriera nelle Nazionali giovanili. Sarà lui a guidare la difesa, con al suo fianco Marco Perrotta: le caratteristiche tecniche e tattiche però consegneranno a Bettella stesso e non al più esperto compagno le chiavi della retroguardia biancazzurra, chiamata a respingere l'assalto disperato di un Carpi che dopo la sconfitta pesante nell'ultimo turno è chiamato all'impresa di battere il Delfino per non abbandonare del tutto ed in modo anticipato le residue speranze salvezza, già ridotte da tempo al lumicino.

Bettella sarà uno dei perni anche del Pescara che verrà, essendo il suio un prestito di 18 mesi: fino al giugno 2020, dunque, sarà biancazzurro e a Carpi nel giorno di Pasquetta spera di trovare nel tradizionale Uovo una bella sorpresa. Che non è una maglia da titolare - quella è, come spiegato, scontata - ma una prestazione importante a livello personale che dia un contributo essenziale alla vittoria del Pescara, che in trasferta fatica tanto. Cresciuto nel Padova e con un passato importante a livella baby con l'Inter, è stato ceduto all'Atalanta ma i nerazzurri milanesi hanno possibilità di riportarlo alla base in futuro, come da accordi stipulati all'epoca del suo trasloco all'interno della Lombardia. Ma per tornare da Mamma Inter deve fare bene con il Pescara. Nel finale di questa stagione e nella prossima, quando ritroverà al suo fianco un giocatore che conosce bene e che farà parte del gruppo biancazzurro dell'anno venturo: Zappa, già ufficializzato. Il futuro del Pescara, insomma, inizierà a Carpi...

Commenti

Rocco Pagano, colui che fece tremare perfino Paolo Maldini
Spettacolo a Pescara: l'Italia sfiora il colpaccio con i campioni del mondo dell'Argentina