B Zona

Il Pescara alla prova del sorprendente Spezia - Qui Liguria

Il focus sulla squadra di Marino

16.10.2018 10:05

A CURA DI CLAUDIO ROSA - 

È scoppiata la Pescara Mania: sognano infatti i tifosi del Delfino grazie ai ragazzi di Bepi Pillon, che ora volano in vetta alla classifica grazie alla vittoria sul Benevento.

Test difficile ora per gli abruzzesi che dovranno affrontare una trasferta insidiosissima contro lo Spezia.

SPEZIA, LA CLASSIFICA NON MENTE

Si può sognare. Già, perché venerdì, allo stadio Picco, Spezia e Pescara giocheranno per il primo posto della B: se i biancazzurri verranno chiamati ad una dura prova di difesa della posizione appena conquistata, i liguri andranno all’attacco di un sogno che è solo all’inizio.

I bianchi, dopo un inizio di stagione un po’ altalenante, sembrano aver trovato la quadratura del cerchio come dimostrano i due successi consecutivi – contro Carpi e Livorno – con i quali si possono affacciare al super match di venerdì con una nuova convinzione dei propri mezzi.

Vincere vorrebbe dire, almeno per una sera, agganciare la vetta della classifica, mettendo tanto carbone al vagone del treno diretto verso la Serie A, dal quale i liguri di certo non vogliono scendere.

La partita però, vedrà affrontarsi nuovamente il Pescara contro una figura molto discussa nel suo passato recente, Pasquale Marino: il tecnico siciliano, ora sulla panchina dello Spezia, è stato l’allenatore del Delfino durante la stagione 2013/14, andando a sostituire Christian Bucchi appena dopo la retrocessione in B dei biancazzurri. Diciamo che, per usare un eufemismo, non scoccò mai la scintilla con la piazza ed il finale della storia, seppur triste, era l’unico immaginabile. Fu esonero, precisamente il 22 Febbraio 2014, dopo la sconfitta col Bari. Ora una nuova sfida, contro il suo passato, magari cercando una rivincita verso una realtà, quella biancazzurra, vissuta tra pochi alti e molti bassi.

SPEZIA, SQUADRA CHE VINCE NON SI CAMBIA?

Marino, ormai si sa, è un fedelissimo del 433 e, come ovvio che sia, ha portato la sua filosofia anche a La Spezia. Come si dice, squadra che vince non si cambia? Non proprio, perché il tecnico dei bianchi non ha praticamente mai confermato lo stesso 11 di partenza per due partite consecutive. Ne sono un esempio le ultime due vittorie consecutive dove, anche a causa dell’infrasettimanale del turno precedente, alcuni giocatori hanno ruotato facendo riposare i titolari. Per la partitissima col Pescara però, Marino dovrebbe affidarsi ai suoi uomini migliori: in porta dunque Lamanna; davanti a lui Giani e Terzi mentre sulle fasce agiranno De Col e Augello; a centrocampo ci sarà Ricci, spalleggiato da Crimi e Bartolomei; il tridente d’attacco dovrebbe essere formato da Galabinov, affiancato da Okereke e Bidaoui, quest’ultimo in ballottaggio con Gysai.

Commenti

Cascione: "Il Pescara di Zeman resterà nella storia del calcio italiano"
Balzano: "Pescara è casa mia, mi sento pescarese a tutti gli effetti"