Prima squadra

Vivarini: "Ascoli favorito, ma difficile fare un pronostico. Vi spiego perchè"

Il doppio ex ha parlato a Il Centro ieri in edicola

03.10.2019 09:13

Parola a Vincenzo Vivarini. Il nuovo allenatore del Bari (in Puglia ritorva l'ex Perrotta) è uno dei tantissimi doppi ex di Ascoli-Pescara. Ha guidato l'Ascoli a una tranquilla salvezza nella passata stagione mentre nel Pescara, il club dove è stato calciatore, fu vice di Maurizio Sarri e, nel 2007, allenatore. E' dunque un interlocutore privilegiato per provare a "fare le carte" al big match Del Del Duca e proprio per questo motivo Il Centro ieri in edicola lo ha interpellato. Ecco le parole del tecnico al quotidiano abruzzese:

Vivarini, arriva il derby Ascoli-Pescara: che gara si aspetta?
«Sulla carta i bianconeri sono favoriti, ma è difficile fare pronostici. A livello psicologico l’Ascoli si presenta in condizioni migliori, nonostante la sconfitta di Cremona. L’undici di Zanetti viaggia sulle ali dell’entusiasmo e l’ambiente è molto carico. Viceversa, il Pescara è chiamato a riscattare il passo falso casalingo con il Crotone e tutti si attendono una prova d’orgoglio».
Che tipo di avversario troverà il Delfino?
«L’Ascoli ha giocatori veloci, gioca su buoni ritmi e al tempo stesso è attento a non sbilanciarsi troppo. Attenzione a Ninkovic e Da Cruz, sono due frecce pericolosissime. Rispetto alla squadra che ho allenato nella passata stagione quella attuale è più solida, ma meno aggressiva».
I punti deboli dei bianconeri?
«Non ne vedo molti, coprono bene gli spazi e sono forti in tutti i reparti. Forse in difesa potrebbero concedere qualcosa e in tal caso il Pescara dovrà essere bravo ad approfittarne. A mio avviso l’Ascoli può puntare alla promozione diretta. L’anno scorso siamo ripartiti dalle ceneri impostando un lavoro che in estate ha avuto un seguito importante. All’ossatura del 2018-19 sono stati aggiunti elementi di notevole spessore. Sono contento per la società che ha forti motivazioni e per la piazza che, come quella pescarese, merita tante soddisfazioni».

nvece a Pescara tirano già venti di crisi.
«Purtroppo con il Crotone è stata una serata triste. Può capitare, l’essenziale è che il gruppo non perda la convinzione e non si faccia condizionare dal risultato. La squadra di Zauri ha poca fisicità, però ha enormi qualità tecniche. Ecco perché ritengo che i biancazzurri debbano provare sempre a imporre il loro gioco. Se subentra la paura, inevitabilmente crescono le difficoltà».
Zauri cerca nuove soluzioni tattiche e pensa di passare dal 4-3-3 al 3-5-1-1. Scelta saggia?
«Zauri conosce la rosa alla perfezione e saprà scegliere il sistema di gioco più adatto. Il modulo è relativo, contano piuttosto l’interpretazione e l’atteggiamento. Dall’esterno, posso solo dire che una squadra con quelle caratteristiche deve avere il pallino del gioco in mano. Non credo che i biancazzurri possano pensare a difendersi, devono giocare a viso aperto perché hanno calciatori che sanno trattare il pallone. Se ci riuscissero potrebbero ottenere buoni risultati. Al contrario, rischierebbero di avere problemi qualora rinunciassero a giocare».
L’infortunio di Tumminello ha complicato i piani.
«Certamente. Non bisogna dimenticare che è stato ingaggiato per rimpiazzare un bomber straordinario come Mancuso. Non conosco bene la lista, ma forse un pensierino agli svincolati andrebbe fatto. In ogni caso, non sono così pessimista. In società ci sono persone che hanno dimostrato di essere molto competenti. E sono convinto che, se dovessero servire, a gennaio arriverebbero i necessari correttivi».

 

Commenti

Balzano operato: "Percorso di dolore e sacrificio. Voglio tornare al top"
L'Ascoli che vuole sognare aspetta un Pescara desideroso di riscatto