Prima squadra

Mercato Pescara: a gennaio possibili partenze "pesanti"

La rosa del Pescara verrà modificata

04.12.2017 00:36

Gennaio è ormai vicino e con esso il calcioemrcato. Il Pescara sta già muovendosi in entrata (vedi in archivio PS24 tutte le prospettive), ma è necessario sfoltire i ranghi. Lasceranno Pescara non solo alcuni comprimari (ad esempio Latte Lath e Baez, rispediti ai rispettivi mittenti), ma sono possibili anche le partenze di alcuni cosiddetti big.

C'è innanzitutto la questione Pigliacelli. E' tornato il sereno, ma è difficile ipotizzare una sua permanenza all'ombra di Fiorillo, ormai titolare inamovile (o quasi). Il giocatore rappresenta un capitale economico, oltre che tecnico, per il club e verrà cercata una soluzione che possa salvaguardare sia le esigenze della società sia quelle del giocatore, rappresentato dall'agente Danilo Caravello. La strada sembra comunque tracciata: a gennaio il portiere lascerà il Pescara, inizialmente in prestito (soluzione più probabile), a meno che non arrivi una società disposta ad acquistare il cartellino e garantire al giocatore un contratto come quello firmato con il club biancazzurro, fino al 2021. In questo caso, potrebbe anche essere un addio definitivo, ma difficilmente qualche società nel mercato di riparazione potrà offrire una cifra congura. E' che che ogni centesimo rappresenterebbe per il Pescara una totale plusvalenza (il giocatore firmò da svincolato), ma Sebastiani in caso di addio vorrebbe una cifra che rispecchi il valore del giocatore (l'Avellino in estate, ad esempio, offrì 400mila euro).

C'è poi Ganz. La punta non può restare in naftalina. Lui o Cappelluzzo andranno altrove, ma la situazione è differente. Ganz è un patrimonio del club ed è stato pagato molto (1,8 mln pagabili in 3 annualità), l'altro è in prestito dal Verona. Sul figlio d'arte già si sono mossi alcuni club cadetti, come già anticipatovi, ed un prestito semestrale ad una squadra che gli garantisca un impiego costante non è affatto da escludere. L'agente Lippi ha già qualche offerta sul tavolo, ma concerterà il da farsi con il Delfino. Ascoli (favorito), Foggia, Ternana ed Entelle sono interessatissime. La situazione è comunque da monitorare giorno per giorno sino a fine sessione.

Per Benali e Zampano il discorso è più complicato. Servono offerte importanti dalla categoria superiore per strapparli al Pescara, anche con la formula del prestito semestrale con obbligo di riscatto a giugno. Il jolly offensivo sembra avulso dal 4-3-3 zemaniano e sarebbe un sacrifico tecnico meno pesante per ZZ, il terzino invece è in alternanza a sorpresa con Crescenzi ma resta un perno della squadra. Più facile che a salutare sia il libico, per Zampano è più facile che possa chiudere la valigia a giugno dopo essere stato valorizzato ulteriormente. Per entrambi, comunque, c'è già una pista: l'Udinese, ora che in Friuli c'è Oddo. Pescara e Udinese in estate hanno concluso l'operazione Coulibaly ed i rapporti sono dunque buoni.

Infice c'è la questione Campagnaro. Ha un contratto particolare (legato alle presenze), ma non vuole chiudere la gloriosa carriera con una stagione da spettatore. Non risultano particolari offerte per lui, che oltretutto ha cronicamente i noti problemial polpaccio a minarne la continuità di impiego, ma la sessione è lunga ed il suo appeal, in Italia e in Patria, è immutato. La separazione è dunque possibile

Commenti

Pescara su tre della Ternana, Evangelisti frena. Ma..
"21097 metri sul chilometro lanciato" a Montesilvano, gradino alto per Di Cecco e Ciccotelli