Prima squadra

Vince la noia: Pescara-Cremonese 0-0

Il posticipo è andato così...

20.01.2019 20:31

Vince solo la noia tra Pescara e Cremonese. Il posticipo della domenica calcistica in B regala agli archivi uno 0-0 con poche emozioni, tutte comunque di marca grigiorossa. Inziia dunque con un punto il girone di ritorno del Delfino, apparso appesantito sulle gambe (probabilmente per i carichi di lavoro sostenuti durante la sosta) e con poche idee. 

Adesso testa alla trasferta di Livorno, in progrmma tra vuna settimana. 

La gara. Pillon regala sorprese nella formazione iniziale, non tanto per l'impiego di Ciofani al posto di Balzano (non al meglio) ma per l'aver schierato Machin nel tridente (Antonucci non figura nemmeno in panchina). Nessuna novità rispetto alle formazioni annunciate alla vigilia per la Cremonese che ha l'ex Soddimo al debutto. 

Prima del fischio d'inizio, la squadra biancazzurra al completo - titolari e riserve - è andata sotto la Curva Nord per ricordare la figura scolpita nei cuori di Marco Mazza detto Bubù. Un gesto bellissimo, come bellissima è stata la coreografia proposta dai tifosi. 

Parte bene la Cremonese, che si fa subito minacciosa dalle parti di Fiorillo con Arini. Più pimpanti gli ospiti in avvio, il Pescara solo al 16' scalda i guanti di Ravaglia con un bolide di Brugman che l'estremo lombardo smanaccia. Tatticamente importante l'interpretazione del match della squadra di rastelli, che imbriglia le fonti del gioco pescarese non perdendo intensità e vivacità nella sua proposta offensiva. Al 21', una staffilata da fuori di Memushaj non trova preparatissimo Ravaglia, che comunque respinge (e dagli sviluppi del corner, lo stesso albanese spara alto sopra la traversa una buona palla che avrebbe meritato miglior fortuna). Pillon decide di invertire le mezze ali, spostando Melegoni a destra e Memushaj a sinistra, ma il succo non cambia: la manovra non trova sbocchi, anche se aumenta la percentuale per possesso palla. Le emozioni, comunque, restano in generale poche, pochissime su ambedue i fronti. Al 41' è prodigioso l'intervento di Fiorillo su un colpo di testa di Mogos che aveva già fatto gridare al gol la manciata di tifosi ospiti presenti all'Adriatico nel settore ospiti. E' l'ulimo episodio di cronaca di un primo tempo dove a vincere è stata solo la noia. 

Si riparte senza avvicendamenti e dunque dagli stessi 22 del primo tempo. Dopo 11 minuti di nulla, da una palla banalmente persa dal Pescara sulla propria trequarti l'ex lancianese Piccolo ha la chance di spezzare l'equilibrio, ma la sciupa. Al 14' Pillon si gioca la carta Capone, gli lascia il posto Melegoni con Machin che torna mezz'ala. Ma un minuto dopo è ancora la Cremonese a sfiorare il gol, con un insidioso tiro da fuori di Soddimo che spegne sul fondo. Al 18', si stampa sulla traversa e rimbalza sulla linea una bordata di rara bellezza balistica di Piccolo da calcio di punizione. Pericolo scampato, ma che spavento! Il diffidato Brugman al 19' riceve il giallo che gli costerà la presenza a Livorno. Al 21', dagli sviluppi di un corner, Scognamiglio non centra di testa il bersaglio grosso da buona posizione. Al 33' ci prova da distanza siderale Emmers, palla alta. Kanoutè rileva subito dopo uno spento ed abulico Machin, con Brugman che passa a fare la mezz'ala. Al 39', una bella trama biancazzurra libera al coss basso Memushaj, ma sull'invito dell'albanese nessun compagno può toccare la palla per spingerla in rete. Al 43' un intervento scomposto di Emmers nella propria area di rigore, con tocco di mano, fa gridare l'Adriatico al penalty ma per l'arbitro Guccini il tocco è involontario e dovuto all'errato stop del giocatore lombardo. Al 45' Pillon inserisce Del Sole per Marras. Il Pescara chiude avanti, ma il punteggio non cambia: il 2019 agonistico si inaugura con uno 0-0 che non resterà nella storia del calcio....

Il tabellino: 

PESCARA - CREMONESE 0-0

MARCATORI:

PESCARA: Fiorillo; Ciofani, Scognamiglio, Gravillon, Del Grosso; Brugman, Memushaj, Melegoni (14'st Capone), Machin (33'st Kanoutè);  Mancuso, Marras (45'st Del Sole) All. Pillon

CREMONESE: Ravaglia; Mogos, Claiton, Terranova, Migliore; Soddimo (25'st Boultam), Emmers, Arini, Castrovilli (39'st Renzetti);  Piccolo (36'st Montalto), Strefezza.   All.Rastelli

Ammoniti: Brugman, Marras, Scognamiglio (P)

Arbitro: Guccini di Albano Laziale

Commenti

Quando Bepi Pillon allenava Max Allegri a Padova
Mancuso: "Pari giusto. A Livorno troveremo una squadra che giocherà alla morte"