Prima squadra

L'amarcord: Verona-Pescara 2-2, finale d'andata dei playoff di C del 2010

La nascita della forte rivalità è recente e risale a 8 anni fa

10.12.2018 00:47

La crescita della forte rivalità tra Verona e Pescara ha origini recenti. Stagione 2009-10, entrambe le squadre sono in C e duellano per tutto il campionato per l'approdo diretto in B. Il Pescara nel corso della stagione passa da Cuccureddu e Di Francesco e proprio con il tecnico pescarese in panchina a fine stagione centrerà l'obiettivo stagionale per ottenere il quale nella precedente estate il club aveva condotto una campagna acquisti sontuosa.

La regular season, con un finale al cardiopalma, aveva premiato la sorpresa Portogruaro ed allora scaligeri e biancazzurri hanno rinviato il duello finale all'appendice del campionato. Il 6 giugno 2010 è il girono della finale d'andata dei playoff, si gioca al Bentegodi.Partita emozionante, con i biancazzurri sotto di un gol che ribaltano il risultato e si fanno raggiungere a tempo scaduto. Subito avanti l'Hellas: Berrettoni, dopo un clamoroso errore in uscita di Mengoni, serve Ciotola che batte Pinna. Ma i biancazzurri, trascinati da un grande pubblico che aveva seguito in massa la truppa nella città di Romeo e Giulietta (non mancarono anche brutti episodi di cronaca nella circostanza), non ci stanno e trascinati dalla coppia d'oro Sansovini-Ganci prima pareggiano e poi mettono la freccia. Ganci su rigore e il Sindaco con un colpo di testa non hanno fatto però i conti con Russo, che in pieno recuper in rovesciata gela i 2000 sostenitori del Pescara. L'appuntamento con l'apoteosi biancazzurra è però solo rimandato: nel match di ritorno un eurogol di Ganci regala vittoria per 1-0 e promozione in B al Delfino. 

Commenti

VIDEO: al Bentegodi iniziò la cavalcata della Zemanlandia biancazzurra
Babbo Running, una camminata vestiti da Babbo Natale in centro