Settore giovanile

Nicola Legrottaglie, un segnale biancazzurro nel suo destino: "Entusiasta di essere qui!"

Esordì in Nazionale proprio all'Adriatico

28.06.2019 00:09

"Entusiasta di iniziare questa avventura. Grazie al Pescara Calcio per il caloroso benvenuto": così, con un semplice post sulla sua pagina ufficiale Facebook, Nick Legrottaglie ha dato il via alla sua nuova avventura. 

Dopo l'annuncio ufficiale, la prossima settimana a Pescara di terrà il "Legrottaglie Day" con la presentazione a stampa e tifosi del nuovo trainer della Primavera. 

Ma chi è Nicola Legrottaglie? Di lui calciatore si conosce tutto. O quasi. Centrale difensivo cresciuto nel Bari, ha vestito le maglie di Pistoiese, Prato, Reggiana, Modena, Chievo, Bologna, Siena, Milan e Catania ma ha legato la sua fama principalmente alla sua militanza nella Juve. In complesso, ha collezionato ben 261 presenze in serie A con 22 gol siglati ed ha indossato anche la maglia della Nazionale. Ed è proprio l'intreccio tra l'Azzurro ed il Biancazzurro a rappresentare un segno del destino per Nicola Legrottaglie.

Il 20 novembre del 2002, infatti, proprio allo stadio Adriatico-Cornacchia, Legrottaglie ha debuttato in Nazionale in un match contro la Turchia. Era l’Italia di Giovanni Trapattoni e l’amichevole finì 1-1 con le reti di Christian Vieri ed Emre Belozoglu. E' stato proprio lo stesso Legrottaglie a ricordare la circostanza 

Ora torna dunque a Pescara, da allenatore, sperando di ripercorrere le orme di tanti allenatori che dal settore giovanile biancazzurro hanno spiccato il volo nel calcio che conta. E' stato lo stesso Legrottaglie a ricordare la circostanza pugglicamente, postando su Facebook il vedeo della partita in questione introdotto da queste parole: "La mia prima vera partita con la nazionale, nella primavera della mia carriera. 2002, a Pescara. 
Ci ritorno per un’altra primavera, quella biancazzurra, che allenerò con orgoglio ed entusiasmo
"

Da allenatore, Legrottaglie ha iniziato negli Allievi del Bari per poi assumere la guida della prima squadra dell’Akragas in serie C. Prima di arrivare a Pescara, dove si cimenterà nel campionato Primavera 1 appena conquistato da Zauri e dai suoi ragazzi, è stato il vice allenatore al Cagliari all'ombra di Rastelli. 

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘Avanti Madama’, ieri, il neo allenatore della Primavera del Pescara ha dichiarato: “In questo momento mi concentro sul valorizzare i giovani, essere un punto di riferimento per loro. Questa è il mio primo obiettivo e per questo ho accettato questa proposta. Sono molto contento di iniziare. È una società di cui tutti mi hanno parlato bene e che merita di stare nel palcoscenico di Serie A”.

Commenti

Quando Pescara era una festa
Da "castigatore" del Pescara a nuovo biancazzurro: ecco Cisco