B Zona

Qui Benevento: la Strega a Pescara col dente avvelenato

Bucchi in cerca di rivincita dopo il ko col Foggia

04.10.2018 14:54

A CURA DI CLAUDIO ROSA

È ancora viva la delusione in casa Pescara per il successo svanito nel finale contro il Padova. Questo però non dovrà fermare il Delfino che già sabato avrà la possibilità di rifarsi, davanti al proprio pubblico, contro una delle favorite di questo campionato, il Benevento.

BENEVENTO, SOLO PICCOLO INCIDENTE DI PERCORSO?

Vincere aiuta a vincere. Lo sappiamo, quanto volte l’abbiamo sentito? Eppure quando cominci a prendere ritmo e di colpo lo perdi, è difficile tornare a macinare come si faceva prima. È il caso del Benevento che dopo aver cominciato la stagione con un pareggio contro il Lecce, era riuscito ad ingranare alla grande con ben tre vittorie consecutive (Venezia, Salernitana e Cittadella). L’intoppo però è arrivato nella scorsa giornata, durante una sfida sentitissima dal popolo giallorosso come quella col Foggia: al ‘Vigorito’ infatti ad avere la meglio sono stati gli ospiti che, nonostante l’inziale vantaggio dei padroni di casa, sono riusciti a conquistare il bottino pieno grazie ad un pesante 1-3 finale.

"Facciamo tutto noi, nel bene e nel male”, ha tuonato cosi nel dopo gara Bucchi, mister del Benevento che, analizzando la partita, ha fatto notare come le tre reti dei rossoneri sono arrivate da errori dei singoli. Già, perché se andiamo a rivedere meglio si può notare come nel gol del pareggio di Kragl il portiere Puggioni si fa infilare sul proprio palo mentre nel secondo, ad opera di Camporese, resta tra i pali senza uscire. Il terzo invece, quello che poi ha definitivamente spaccato le gambe al Benevento, è Viola a perdere un pallone sanguinoso in mezzo al campo, dando così il via al micidiale contropiede dei foggiani concluso da Galano. Quello che più preoccupa però, è l’atteggiamento dei giallorossi, forse troppo sicuri di avere un incontro in totale controllo dopo la rete inziale firmata da Coda. Questo è forse solo un incidente di percorso, o almeno così spera Bucchi. I motivi di questa sconfitta sono chiari a tutti, ora però resta da capire come ricominciare, perché il treno per la Serie A non aspetta.

BUCCHI, POCHI DUBBI PER SABATO

"Rifarei le stesse scelte, non mi faccio condizionare dai risultati. Quella scesa in campo stasera è la formazione che ritenevo ci potesse portare alla vittoria. Ho privilegiato l'impiego di calciatori freschi."

Si è difeso così Bucchi dalle critiche rivolte verso il suo 11 di partenza che poi ha perso contro il Foggia. Nel mirino, infatti, sono finite alcune sue scelte che poi hanno condizionato l’andamento della partita. Per sabato però, il tecnico dei giallorossi non sembra avere molti dubbi: il modulo sarà il solito 433, con Puggioni tra i pali; in difesa spazio ai due centrali Costa e Volta, con Billong non ancora pienamente recuperato, mentre sulle fasce agiranno Maggio e Di Chiara; a centrocampo torna Tello, con Viola e Bandinelli a completare il trio; davanti confermati Improta e Ricci ai lati di Coda.

Commenti

Mercato: un esterno d'attacco nel mirino del Pescara
Champions League: secondo hurrà per l'AcquaeSapone a Cipro