Prima squadra

Sebastiani: "Sono arrabbiato. Si devono svegliare tutti!"

"Brutta partita. Un passo indietro molto pesante rispetto ad Ascoli"

19.10.2019 20:44

A CURA DI RICCARDO CAMPLONE - C'è tantissima delusione in casa Pescara dopo il ko contro lo Spezia per 1-2. Il presidente Daniele Sebastiani è molto arrabbiato per l'atteggiamento della squadra. Ecco le dichiarazioni del Presidente a Rete 8:

“Brutta partita, nel primo tempo non abbiamo fatto nulla di straordinario. Probabilmente senza il gol di Machin il primo tempo sarebbe finito 0-0. Un passo indietro molto pesante rispetto ad Ascoli dove si era vista una squadra con tanta voglia, gente che ha corso per 95 minuti. Oggi non mi è piaciuta la partita perchè nel primo tempo abbiamo sempre palleggiato dietro, siamo stati 20 minuti con la palla tra Campagnaro, Scognamiglio e Drudi, se devi costruire qualcosa non puoi farlo in questo modo. Sono arrabbiato perchè dobbiamo provarla a giocare, il fatto che ci mettiamo a 3 in difesa non significa che dobbiamo rinunciare a giocare, vuol dire che dobbiamo stare coperti. Peoccupato? Quando si perde si è sempre preoccupati. Non posso essere contento dopo la sconfitta di questo tipo. Più deluso di Crotone? Si perchè questa partita potevamo portarla a casa senza problemi, invece ci siamo addormentati sull'1-0. Non voglio vedere gente che si adagi dopo 45'. La soluzione? Si devono svegliare tutti, ma la soluzione la deve trovare l'allenatore. Questo è un campionato dove non si può concedere niente a nessuno e devi giocare le partite fino al 95'. Se pensi di poter gestire sbagli di grosso.”

Sull'allenatore :” Zauri in discussione? Non lo era contro il Crotone e non lo è nemmeno oggi, lui è il mister e deve trovare le soluzioni. Abbiamo giocato 8 partite e non possiamo concederci cali di tensione, non abbiamo fatto belle partite ma siamo stati bravi a raccogliere 10 punti. Mentalità? E' questione di giocare sempre. Durante la settimana vedo in allenamento cose buone, durante le partite vedo che c'è qualcosa che non va. Molti giocatori hanno paura di osare, portare la palla avanti. Quello che mi da molto fastidio è che giochiamo sempre dietro la difesa.”

Commenti

Il bomber che verrà: la storia di Gennaro Borrelli
Zauri: "Assurdo e inspiegabile il nostro secondo tempo"