Prima squadra

Anania: "Pillon meriterebbe già ora la conferma"

Le parole dell'ex biancazzurro a PS24

16.05.2019 10:51

Luca Anania non dimentica Pescara. «La tifoseria pescarese, alla quale resto legato, la società e la città meritano di tornare in A. Ed io mi auguro di cuore che il Delfino ci riesca», le sue parole in una breve chiacchierata con PS24.

Quattro i temi toccati: la stagione, il caso Palermo, i playoff e la mentalità calcistica italiana.

LA STAGIONE:  «Pillon meriterebbe già ora la conferma. Non sono stupito dal campionato disputato dal Pescara, è stata allestita una buona squadra e si è vista la mano di un tecnico esperto come Pillon che sa leggere le partite ed i momenti della stagione. Per lui parlano i risultati ottenuti, anche in termini di gestione del gruppo, in un campionato assai difficile».

IL CASO PALERMO: «Non conosco direttamente la vicenda e non voglio lanciarmi in considerazioni su specifici aspetti giuridici, ma in generale sono dell'opinione che se ci sono stati errori, è giusto che, se accertati, chi li ha commessi venga punito. Se qualcuno ha sbagliato è giusto che paghi e che le società che hanno sempre rispettato le regole non vengano penalizzate. Ma tutte queste cose con il calcio vero hanno poco a che fare».  

I PLAYOFF: «Può accadere di tutto in partite di questo tipo. Il Pescara deve giocarsi tutte le carte in suo possesso, in tanti danno per favorito il Benevento ma sarei davvero contento se i biancazzurri riuscissero a fare uno sgambetto ad una squadra che ha una rosa importante e tanti giocatori che possono fare la differenza».

LA DIFFERENZA TRA ITALIA ED ESTERO: «In Italia non c'è la mentalità e la cultura di impostare sin dal settore giovanile una determinata idea di calcio propositivo, contano da subito vittorie e risultati. In Europa è diverso ed è più facile trovare allenatori alla Zeman, basti vedere gli esempi recenti in Champions League oppure più in generale i campionati stranieri. Io li seguo da tempo, per taluni versi anche più di A e B nostrane, e non si pensa solo a vincere ma in che modo si arriva ad ottenere i risultati. Da noi si pensa più ad altro ed anche per questo Pillon per me merita di essere confermato»

Commenti

Cannarsa racconta l'Allegri pescarese: "Un simbolo"
Verso i playoff, Bettella: "Curare ogni minimo dettaglio per la perfezione"