Prima squadra

Pescara vs Verona, le due sfide nella regular season 2018-19

21.05.2019 00:51

A CURA DI CLAUDIO ROSA - 

Sarà quindi contro l’Hellas Verona la doppia semifinale nella quale il Pescara si giocherà l’accesso alla finale dei playoff. I veneti, dopo un campionato piuttosto movimentato, sono riusciti a superare l’insidioso Perugia, ottenendo così il pass al turno successivo.

I precedenti in stagione

Le due squadre si sono, ovviamente, affrontate in due circostanze durante questo campionato di Serie B. Andiamo a ripercorrerle, partendo dalla partita di andata, giocata al Bentegodi di Verona. La sfida, sentitissima dalle due tifoserie, era molto aspettata dagli addetti ai lavori, interessanti a vedere le reali potenzialità di un Pescara che stava, nelle prime fasi del campionato, letteralmente volando. In palio dunque molto di più dei canonici tre punti: i biancazzurri per continuare a sognare una stagione da protagonista, mentre dall’altro lato i veneti giocavano per provare a scalare le gerarchie di un campionato iniziato troppo in sordina. Il match non sorride però ai biancazzurri, già sotto di due gol dopo soli quaranta minuti. Si riconferma quindi il mal di trasferta di una squadra ancora enigmatica, ma dal gran potenziale qualche volta inespresso. Al triplice fischio il risultato dice 3-1 in favore dei padroni di casa. Una grossa battuta d’arresto per il Delfino, già incappato nelle precedenti trasferte con Perugia e Palermo. Tira invece un grosso sospiro di sollievo Grosso, ancora però alla ricerca della quadra perfetta.

Ci spostiamo invece adesso ad aprile, dove in questo caso è il Pescara, all’Adriatico, ad ospitare i rivali. Un Hellas in evidente difficoltà quello arrivato in Abruzzo, con un Grosso chiamato per l’ennesima volta in stagione ad invertire un minaccioso trend negativo. Un pareggio casalingo col Brescia, poi la sconfitta esterna a Palermo e la disfatta tra le mura amiche contro il Benevento. È un Verona che non vince da cinque partite ed, ora si, ad un passo dall’esclusione nei playoff. Non se la passano bene però neanche dall’altra parte della barricata, con un Bepi Pillon che, dopo tre gare senza vittoria, vuole battere i veneti per staccarli definitivamente in classifica e tornare in uno stato di semi tranquillità in vista del turno di riposo.

Quindi, tanto da perdere per entrambe le squadre, anche se ad approcciare meglio l’incontro è il Pescara che sblocca subito il risultato: è il settimo minuto quando Sottil, splendidamente imbeccato da Brugman, riesce ad involarsi e battere il portiere gialloblu, siglando così l’1-0. La gara è molto bella e ricca di capovolgimenti di fronte, contrariamente a quanto si pensava. Nonostante ciò, nessuna delle due squadre riesce a trovare di nuovo la via del gol prima del duplice fischio dell’arbitro. Al rientro in campo è l’Hellas ad avere il controllo del campo, spingendo forte e trovando il pareggio al ventiseiesimo della ripresa, grazie alla rete di Faraoni sugli sviluppi di un cross.

Finisce così, con un pari.

Ora è tempo di una nuova pagina della storia di queste due squadre. Da un lato Pillon, dall’altro Aglietti che, nel frattempo, ha preso il posto di Grosso.

180 minuti per ottenere un posto in finale, continuando a vivere il sogno della Serie A.

 

Commenti

Quando Pescara era una festa
Scommettiamo che.. Le quote della semifinale Verona-Pescara