Prima squadra

Tutte le combinazioni promozione e playoff

Ultimi 90' con l'emissione di tanti verdetti, anche per i playout

10.05.2019 07:44

A 90′ dalla fine del campionato, la Serie BKT deve ancora offrire molti verdetti. Innanzitutto chi accompagnerà in A direttamente, senza passare dal post season, il Brescia: in lizza ci sono il Lecce, impegnato in casa contro lo Spezia (che lo scorso anno all’ultima giornata incrociò il Parma, poi promosso), e il Palermo, anch’esso chiamato alla sfida tra le mura amiche contro il Cittadella. Liguri e veneti peraltro sono in lizza per i playoff con il Pescara che cerca un punto per la certezza e Perugia-Cremonese che è un vero e proprio spareggio. In coda tremano in 5. Ecco tutte le curiosità e alcune combinazioni segnalate da Calcio & Social Communication:

90 Volata Lecce-Palermo per accompagnare direttamente in serie A il Brescia nei 90’ finali della regular season: i salentini partono con un punto di vantaggio. In caso di arrivo alla pari, unico caso possibile che i giallorossi perdano in casa dallo Spezia ed i rosanero pareggino contro il Cittadella al Barbera, sarebbero promossi in A i siciliani, forti del doppio successo per 2-1 negli scontri diretti.

6 Al fotofinish anche i 6 posti playoff: uno toccherà a Lecce o Palermo, quarto è aritmeticamente il Benevento, esentato dai preliminari. Al Pescara manca ancora un punto, essendo in svantaggio con l’Hellas Verona e potrebbero trovarsi a fine partite entrambe a quota 52. Un posto sarà deciso con molta probabilità dallo scontro diretto Perugia-Cremonese.

38 Volata salvezza per 5, dopo le retrocessioni aritmetiche in C di Carpi e Padova nel turno scorso. Il Crotone ha bisogno di un punto per la salvezza, essendo in vantaggio sia sul Livorno (1-0 esterno ed 1-1 allo Scida), sia sulla Salernitana (1-1 in casa e 2-0 in Campania). Possibile anche un arrivo alla pari a 4 tra Salernitana, Livorno, Foggia e Venezia a quota 38, in quel caso Foggia retrocesso direttamente in C, Salernitana-Venezia il playout con ritorno al Penzo e Livorno salvo

Commenti

Quando Pescara era una festa
Menichini: “Uniti e concentrati, è ancora tutto nelle nostre mani”