Pallanuoto

2 su 2: Pescara Pallanuoto ok

Roma ko, si respira entusiasmo in città

03.12.2017 09:56

Grande partita del Pescara Pallanuoto, capace di soffrire, reagire e poi vincere e convincere. Era la prima partita stagionale in casa, seconda giornata della serie A2 maschile girone Sud. E' finita 11-7, di fronte una squadra coriacea quale si è dimostrata la Roma 2007 Arvalia, che ci ha provato in tutti i modi e a un certo punto ha avuto anche un vantaggio importante. I capitolini sono arrivati a condurre 6-3 sul finire del secondo tempo, ma da quel momento in poi è venuto fuori il Pescara. La grinta ma anche la tecnica, i ragazzi allenati da Francesco Mammarella si sono lasciati anche sospingere dal pubblico del Pala-Pallanuoto. Numerosissimo, circa cinquecento o seicento spettatori, con una coreografia degna di una partita di calcio importante (non a caso il coordinamento è stato affidato a un tifoso esperto della materia, Emiliano Clivio). E, a proposito, sugli spalti sono arrivati anche il presidente del Pescara calcio Daniele Sebastiani e lo storico dirigente Vincenzo Marinelli (papà di Cristiana, presidente del Pescara Pallanuoto). Ma anche il vice-allenatore della nazionale di pallanuoto Amedeo Pomilio e altre personalità, segno che questo sport a Pescara tira ancora, eccome.

Il grande merito va comunque alla squadra, giunta alla seconda vittoria su due gare giocate in una categoria in cui ricopre il ruolo della neopromossa. Parziali di 3-2, 1-4, 2-0, 5-1, un finale devastante quindi come si può evincere.

A segno sono andati in tanti, da Di Nardo (2) a Di Fulvio (4), da Giordano (2), fino a De Ioris, Provenzano, Delas (1 a testa), ma la bravura è la stessa per chi ha difeso e per chi comunque non ha mollato mai.

Successo di vitale importanza per avvicinarsi alla salvezza, che resta l'obiettivo stagionale, poi giornata dopo giornata si vedrà.
Coach Francesco Mammarella: "All'inizio eravamo un po' contratti, magari sarà stata l'emozione della prima in casa. Però abbiamo dimostrato una ottima condizione atletica e anche mentale. Sono contento, siamo contenti, comunque non dobbiamo fare voli pindarici anche se oggi mi sento di fare i complimenti a tutti i ragazzi. Giocare davanti a questo pubblico è un'emozione bellissima da raccontare".
Prossima match: trasferta siciliana contro i Muri Antichi Catania sabato ore 15.

Commenti

Le frasi più famose di Gomorra "tradotte" in abruzzese
Nuovo stadio, Martorella: "Opera che diventerebbe identitaria e valorizzerebbe la città"