Altri sport

Presentati i Campionati Italiani Assoluti di boxe di Pescara

Grandissimo evento in città

30.11.2018 07:27

Sono stati ufficialmente presentati ieri, presso la sala Flaiano dell’Aurum di Pescara, i campionati italiani assoluti maschili e femminili di pugilato che si terranno in città, presso il Pala Giovanni Paolo II, dal 4 al 9 dicembre. A fare gli onori di casa Mariangela Verna, presidente dal 2017 del comitato regionale Abruzzo-Molise Fpi, Enzo Imbastaro, presidente Coni regionale, e Simone Di Marco, dell’omonimo Boxing Team locale che cura l’organizzazione della kermesse indetta dalla Federazione Pugilistica Italiana dopo aver già portato in Abruzzo negli scorsi mesi l’edizione 2018 del Guanto d’Oro femminile.

Il primo gong alla conferenza lo ha dato la Mascotte della competizione, che è un Orso (JABBO) - Simbolo delle terre d'Abruzzo -  con le fattezze di un boxer. I lavori sono stati aperti dalla Pres. Verna che ha ricordato come: "l'Abruzzo è stata la regione principe della boxe in questo 2018 visto che ha ospitato gli Europei Youth, il Guanto d'Oro Femminile e le finali dei Campionati Italiani Schoolboy e che Pescara per la prima volta sarà il proscenio delle finali degli Assoluti di pugilato." Dopo di lei ha preso la parola il Consigliere Baldantoni che ha portato in primis i saluti del Presidente Federale Lai, che sarà presente per l'intera durata dei Campionati, e che poi ha dichiarato che "Gli assoluti rappresentano da sempre la chiusura in grande dell'annata pugilistica e che anche quest'anno vedranno boxare i migliori pugli sia uomini che donne". In chiusura c'è stato l'intervento del Pres. CONI Abruzzo Imbastaro che si è detto strafelice per la scelta della FPI di "Affidare alla nostra terra un altro grandissimo evento quale sono gli Assoluti".

A Pescara si daranno battaglia sul ring i 200 migliori boxeur d’Italia, 130 uomini (per l’edizione numero 96 nella storia dei campionati) e 70 donne (edizione numero 17 per la competizione femminile) ma sono attese in città altre 300 persone tra giudici, dirigenti e tecnici per quello che rappresenta l’evento clou per la disciplina. Saranno dieci gli abruzzesi in gara, 7 uomini e 3 donne (Francesco D’Alessandro, Gianluca Valente, Mattia Di Tonto, Stefano Ramundo, Amedeo Saulo, Alessio D’Ettorre, Federico La Selva, Patrizia Borgheggiani, Ismailia Muciaccia e Martina Labarbera) ma i fari saranno essenzialmente puntati nel femminile su Alessia Mesiano, “Pugile dell’Anno” all’ultimo Premio Rocky Marciano e pluridecorata atleta delle Fiamme Oro, e nel maschile su Federico Emilio Serra, oro agli ultimi campionati UE.

La presentazione è stata introdotta dal convegno “Pugilato ed integrazione” con protagonista l’astro nascente della boxe italiana Tyson Alaoma, campione italiano youth, il cui profetico nome di battesimo venne scelto dal ginecologo che lo ha fatto nascere: «Quando sono nato in Italia c'era Mike Tyson ed era una caccia a scovarlo. Io ero particolarmente grande e quando ho visto la luce il dottore disse a mia madre "Ecco Tyson". Da qui il mio nome e tanti anni dopo il pugilato è diventato la mia vita. Quest’anno non posso partecipare, ma dalla prossima edizione il mio unico obiettivo sarà vincere», le sue parole.

Presenti nella circostanza anche Dario Ricci, direttore artistico del Festival Rocky Marciano di Ripa Teatina, e Mario Bambini che hanno presentato il loro libro "A bordo ring". 

Commenti

Un terzino per Pillon: i nomi in lista
Tre titolari in dubbio per Perugia